Il giovane Montalbano, Fabrizio Pizzuto a Blogo: “Sono un po’ Agatino Catarella anche nella vita!”

L’intervista di Blogo all’attore e comico siciliano.

Nel cast della seconda edizione de Il giovane Montalbano, il prequel de Il Commissario Montalbano giunto alla seconda edizione che andrà in onda in prima serata su Rai 1 a partire da questa sera, lunedì 14 settembre 2015, con il primo episodio intitolato L’uomo che andava appresso ai funerali, troviamo anche Fabrizio Pizzuto.

L’attore e comico nato a Palermo nel 1964 ha lavorato sia per la televisione che per il cinema. In tv, oltre che ne Il giovane Montalbano, l’abbiamo visto anche in Squadra Antimafia 3 – Palermo Oggi e nel documentario Scacco al re – La cattura di Provenzano; al cinema, invece, Pizzuto ha lavorato con Leonardo Pieraccioni, nei film Il principe e il pirata, Ti amo in tutte le lingue del mondo e Il paradiso all’improvviso, e con Giuseppe Tornatore nel kolossal Baaria.

Tornando a Il giovane Montalbano, Pizzuto veste i panni di Agatino Catarella, il goffo e stralunato centralinista del commissariato di Vigata che, nella serie principale con Luca Zingaretti protagonista, è interpretato da Angelo Russo.

Intervistato da Blogo in occasione della conferenza stampa di presentazione della fiction, Fabrizio Pizzuto ha svelato qualche dettaglio in più riguardante il suo personaggio.

Queste sono state le dichiarazioni principali rilasciate da Fabrizio Pizzuto:

Vedremo un Catarella più tenero, più intimo, parlerà del suo passato difficile, visto che è stato picchiato quand’era piccolino, è stato preso in giro, senza famiglia… Ci sarà anche dell’altro, quindi… Questo personaggio mi si calza addosso, sono un po’ Catarella anche nella vita, questo personaggio è perfetto per me. Sono una persona troppo buona e anche io faccio dei gran casini nella mia vita! Il segreto del successo di questa serie è la Sicilia che viene fuori, la poesia della Sicilia…

Nel video a disposizione, troverete altre dichiarazioni dell’attore e comico siciliano.