Undercover, su Premium Action il thriller bulgaro che non si risparmia in violenza

Su Premium Action di Mediaset Premium Undercover, serie tv bulgara con al centro un agente di polizia che va sottocopertura in un clan e dove conosce la figlia del boss, per cui inizia a provare qualcosa, nonostante debba pensare alla sua missione

Mediaset Premium apre anche alle serie tv non americane, con un thriller bulgaro che ha ottenuto numerosi consensi in patria grazie alle vicende di un agente di polizia infiltrato in un pericoloso clan mafioso. Undercover, in onda da questa sera alle 21:15 su Premium Action, s’ispira al film di Martin Scorsese “The Departed” e racconta il mondo della criminalità organizzata bulgaro con azione e suspence.

Il protagonista è Martin Hristov (Ivaylo Zahariev), un agente di polizia che da piccolo, crescendo da solo con il padre, un ladro, è stato costretto a dover dire numerose bugie. Quando l’uomo viene arrestato, Martin viene preso in custodia dall’agente Emil Popov (Vladimir Penev), che nota l’abilità del giovane nel riuscire a mentire. Così, decide di farlo studiare in Francia per diventare un agente sottocopertura.

Martin diventa quindi un bravo agente, a cui viene affidata una pericolosa missione: infiltrarsi nel clan del boss Petar “Dzharo” Tudzharov (Michael Bilalov) per riuscire a stanarlo. Il protagonista, che sa di dover scendere a compromessi per dimostrare a Dzharo che può fidarsi di lui, non ha però fatto i conti con Sunny (Irena Milyankova), figlia del boss per cui prova una forte attrazione.

L’agente, quindi, deve riuscire a concentrarsi sulla propria missione, senza farsi distrarre dai suoi sentimenti verso la ragazza e cercando di inserirsi all’interno del clan che, intanto, è sempre più spietato. Il gruppo a cui si affida Dzharo è composto dal suo braccio destro Ivo Andonov (Zachary Baharov); Zdravko Kisselov (Alexander Sano), innamorato della barista Adriana (Milena Nikolova), che però ha una relazione con Ivo; l’ex poliziotto Rosen Gatzov (Marian Vulev); Tihomir Gyrdev (Kiril Efremov) e Nikolay Rashev (Ventsislav Yankov).

Undercover si è rivelato essere un successo in Bulgaria, dove la serie tv è arrivata alla quinta stagione. Il racconto dell’infiltrato alle prese con azioni scorrette da compiere pur di non essere smascherato prende spunto da alcuni casi di cronaca realmente accaduti nel Paese, e non si fa scrupolo nell’utilizzare scene violenti che hanno portato la serie tv a ricevere alcune critiche: la Bnt, che trasmette la serie tv, ha addirittura minacciato di sospendere i fondi pubblici con cui è realizzato lo show, mentre il Council for Electronic Media, che si occupa di televisione, ha chiesto che la produzione fosse multata per i suoi contenuti e che fosse sposata dalla prima serata. Nonostante queste richieste, Undercover riscuote ancora il consenso del pubblico che, evidentemente, non è interessato alle polemiche ma al racconto crudo e coraggioso di una serie che ha portato la Bulgaria ad avere un proprio show venduto ed apprezzato anche fuori dai propri confini.