Oprah fa da se’ e lancia il suo nuovo canale: OWN

Le condizioni di mercato per il lancio di un nuovo canale il prossimo anno non sono proprio ottimali, ma le previsioni sono comunque rosee per il progetto della Regina-Mida Oprah che con il suo partner Discovery Communications lancera’ a fine 2009 o inizio 2010 il proprio canale via cavo denominato OWN (Oprah Winfrey Network, OWN


oprah own
Le condizioni di mercato per il lancio di un nuovo canale il prossimo anno non sono proprio ottimali, ma le previsioni sono comunque rosee per il progetto della Regina-Mida Oprah che con il suo partner Discovery Communications lancera’ a fine 2009 o inizio 2010 il proprio canale via cavo denominato OWN (Oprah Winfrey Network, OWN in inglese significa anche “mio/proprio”).

Il nuovo canale, con sede operativa a Los Angeles puo’ gia’ contare sui migliori manager del mercato, reclutati da Oprah in persona e provenienti da altri canali come Fox, Lifetime, MTV. Robin Schwartz, che presiedera’ il canale, annuncia che inizialmente vi saranno programmi dedicati a storie di vita vere, senza copione. La missione e’ quella di creare il primo canale interamente dedicato ad educare su “come vivere la vita nel modo migliore”, intento perpetrato da Oprah con il suo show negli ultimi anni. Programmi di self-help, storie a cui ispirarsi e intrattenimento con una morale pare saranno gli ingredienti principali.

Oprah, che controlla l’operato dell’intero canale in qualita’ di CEO, approfondisce il carattere del nuovo canale: “Tratteremo argomenti come il denaro, la salute e le relazioni. Voglio creare una nicchia, uno spazio in cui la gente possa andare, sentirsi meglio e migliorare la propria vita“. Il canale, precisa Oprah, non aspira a diventare competitor di Lifetime (noto canale femminile), Oxygen (che Oprah ha contribuito a fondare) o We. L’obiettivo di OWN e’ quello di raggiungere differenti segmenti dell’ascolto televisivo e non solo il pubblico femminile e l’operazione di market per conquistare anche il pubblico maschile verra’ perpetrata da Oprah attraverso tutti i potenti strumenti in suo possesso: il suo show in syndication, la sua rivista, il suo programma alla radio.

La partnership con Discorvery garantira’ la partenza del network con una solida struttura di marketing e di vendita pubblicitaria alle spalle e – cosa piu’ importante – la distribuzione presso oltre 70 milioni di famiglie via cavo/satellite. OWN sostituira’ di fatto il canale “Discovery Health”, in difficolta’ negli ultimi anni. L’accordo con Discovery assicura una joint venture al 50-50, il che fa del nuovo canale di Oprah un’entita’ indipendente e del tutto scollegata all’universo dei canali Discovery.

Il quartier generale di Oprah a Chicago, la Harpo Prods. fa sapere prontamente che Oprah non ha ancora preso una decisione se continuare o no il “The Oprah Winfrey Show” a partire dalla stagione 2010-11. Lo show per ora non e’ comunque previsto nel palinsesto del nuovo canale, questo almeno all’inizio e per via dei contratti in esclusiva gia’ firmati con le altre stazioni televisive. Da segnalare, sempre in tema Oprah, che e’ di pochi giorni fa inoltre la messa in onda de Il Grande Dono su Sky Italia.

In ogni caso gli esperti del settore individuano in Oprah una potenza dal momento che nessuno come lei ha una tale presenza e una piattaforma comunicativa tanto forte nel mercato statunitense. La sua esperienza e la sua posizione le hanno permesso di mettere insieme un board di dirigenti di prima classe. E’ indubbio pero’ che il successo di questo canale, che godra’ – come gia’ detto – di una promozione di lancio strepitosa, dipendera’ alla fine dai programmi in onda e la sola Oprah non potra’ bastare. La Harpo Productions ovviamente contribuira’ con proprie idee, ma altri produttori terzi sono gia’ al lavoro per provvedere titoli per la nuova rete. In ogni caso l’identificazione del canale (a partire banalmente gia’ dal nome) con Oprah Winfrey sara’ molto forte e veicolera’ i valori a lei tanto cari e vicini al suo brand.

Oprah Winfrey si puo’ amare o detestare, ma certo non si puo’ dire che non sia un’ottima imprenditrice di se stessa e foriera di novita’, quasi sempre di successo, in ambito media.