AR2, una moderma rivoluzione americana organizzata su Fx

Paul ScheuringE' in arrivo un nuovo drama che promette tanta azione e ritmo. Non a caso, il suo ideatore è quel Paul Scheuring (foto) che ci ha già deliziato con "Prison break", mentre a produrlo sarà Thomas Schlamme, a cui si devono "The West Wing" e "Studio 60 on the Sunset Strip". Il titolo dello show, in onda prossimamente su Fx, è "AR2".

Nello specifico, la storia sarà ambientata nel Michigan, patria americana dell'industria automobilistica, dove, dice Scheuring, "le aziende mettono a repentaglio la vita dell'uomo comune e le istituzioni non fanno nulla per aiutarlo". Protagonisti, un gruppo di giovani che si darà da fare per provocare una seconda rivoluzione americana. Nella mente dell'autore, "AR2" vuole essere una rivisitazione moderna de "I Miserabili" di Victor Hugo.

Alla base del plot c'è l'idea di mostrare come le nuove generazioni percepiscono l'idea di patrottismo, portando un messaggio politico diverso da quello a cui siamo abituati a sentire nei telefilm attuali. "Esaminerà cosa accade in entrambe le fazioni di un conflitto e di come questo colpisce le vite personali di ogni individuo coinvolto", ha spiegato il suo ideatore.

" The West Wing, ha invece detto Schlamme, era in un certo modo la realizzazione di un desiderio che in un certo grado è diventato realtà (si riferisce all'elezione di Barack Obama, la cui storia ha ispirato nel telefilm il personaggio di Matthew Santos). AR2 è una storia che serve da monito, sarà un viaggio che faremo e di cui dobbiamo constantemente essere consapevoli per fare in modo che non accada".

Schlamme ha poi spiegato le motivazione che hanno portato lui e Scheuring a presentare l'idea ad una rete via cavo invece che ad un "big" network:

"Il tema potrebbe essere scottante, ed avevamo paura che potesse essere frainteso il messaggio se andasse su una rete generalista".

Fx dovrebbe garantire maggiore libertà di scrittura e di trattazione degli argomenti: insomma, l'erede di "Prison Break" -sempre più vicino alla conclusione- potrebbe non essere così lontano.

[Via TheHollywoodReporter]

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: