Stranger Things ed il real marketing italiano