Ingrid Muccitelli, Mazza, Masi e la Rai che vedremo