Franco Villa, dalla d’Urso a Signorini