Fuller House, Netflix ordina tredici episodi del sequel de Gli amici di papà

Netflix ha ordinato tredici episodi di Fuller House, sequel de Gli amici di papà, sit-com andata in onda sulla Abc con al centro le vicende di una famiglia composta da un padre, le sue figlie ed i suoi amici

Le indiscrezioni di inizio mese avevano dato notizia che Netflix avrebbe realizzato un sequel di Full House, sit-com andata in onda sulla Abc dal 1987 al 1995 e trasmessa in Italia con il titolo Gli amici di papà. Ora, arriva la conferma da parte del colosso americano che ha ordinato tredici episodi del sequel della serie tv, che avrà come titolo Fuller House.

Riprendendo alcuni dei personaggi della serie originale, lo show andrà a raccontare cosa è successo a loro, attraverso una base narrativa che ricorda per molti versi il format originale della sit-com. Protagonista di Fuller House sarà infatti DJ Tanner-Fuller (Candace Cameron), figlia maggiore di Danny (Bob Saget), da poco diventata vedova, incinta e con due figli.

Full House

Se nella sit-com degli anni Novanta era Danny a chiedere aiuto all'amico Joey (Dave Coulier) ed al cognato Jesse (John Stamos) per crescere le sue figlie, nel sequel sarà DJ a chiedere il sostegno della sorella minore Stephanie (Jodie Sweetin), aspirante musicista, ed a Kimmy (Andrea Barber), migliore amica di DJ ora madre dell'adolescente e pestifera Ramona, per crescere i suoi due figli, il dodicenne ed anticonformista J.D. ed il nevrotico di sette anni Max.

Stamos sarà produttore esecutivo della serie, e comparirà come guest-star in alcuni episodi. La produzione sta anche contattando il resto del cast per cercare di effettuare una reunion a tutti gli effetti della serie tv. Il cast de Gli amici di papà, in questi anni, ha lavorato molto in televisione: Stamos ha recitato in Er, Glee ed in Terapia d'urto e la Cameron è stata nel cast di Make it or break it, mentre la Sweetin ha fatto discutere per essere entrata in riabilitazione per abuso di metanfetamina.

Per quanto riguarda i componenti del cast che potrebbero comparire nel sequel, Saget ha lavorato in How I Met Yor Mother; Mary-Kate ed Ashley Olsen (Michelle) hanno recitato in diversi film e serie tv e Lori Loughlin (Becky) è stata nel cast di 90210.

Netflix cerca così un pubblico familiare, ma anche quei telespettatori che vogliono ridere con una delle sit-com più note degli anni Novanta in America, attraverso un sequel che permetterà al servizio di streaming online di proporre non solo drama di ottima qualità ma anche sit-com divertenti, seguendo la tendenza già avviata con la decisione di produrre nuovi episodi di Arrested Development, ripresa dopo essere stata cancellata dalla Fox.

[Via TvLine]