Amici 2015, Mauro Monaco: "Non ci saranno doppie eliminazioni. Elisa ed Emma devono portare tutti i ragazzi a emergere"

Il serale di Amici 2015 raccontato da uno degli autori storici, Mauro Monaco

Mauro Monaco, una tra le colonne portanti di Amici, ha raccontato a Tv Sorrisi e Canzoni, come è cambiato il talent show di Canale 5 quest'anno sia durante il day time, in onda su Real Time, sia in previsione della fase finale partita da appena una settimana:

Nella fase pomeridiana alcune sfumature del meccanismo e del racconto sono cambiate ma l'essenza del programma è sempre la stessa, anche nel serale. Quest'anno, rispetto ai precedenti, siamo passati da 16 a 12 concorrenti iniziali, l'unica differenza è che non ci saranno doppie eliminazioni. Sapendo che il vincitore è uno solo il contributo dei direttori artistici è fondamentale per convincere o rafforzare l'opinione della giuria sulla loro bravura

Amici 2015 giudici serale

Per un autore, la scaletta del serale è altamente adrenalica perché frutto delle decisioni estemporanee dei due direttori artistici, Emma ed Elisa:

Il bello del programma è che la scaletta è 'liquida'. E' un caso raro di talent che si può snodare in modo del tutto sorprendente. Dipende da cosa dicono i giudici, dallo stato di forma dei ragazzi e dalle eliminazioni provvisorie dalla gara. Le scelte sono libere. Potrebbero esserci anche tre esibizioni di ballo consecutive, è già successo. Non si fa un ragionamento di tipo televisivo, ma sempre rivolto al bene dei partecipanti. Alla fine, anche a volerci pensare bene, ci sono troppe variabili per fare strategia 'a prova di bomba', soprattutto quest'anno in cui ci sono due giudici nuovi oltre a Sabrina Ferilli. Esattamente, come lo scorso anno, i tre punti di vista sono diversi e spesso contrapposti. Ancora più imprevedibile è il giudizio del quarto, un nome sempre diverso ogni settimana. Il meccanismo del programma favorisce la pluralità dei punti di vista e l'imprevedibilità dei giudizi finali.

Durante i vari speciali del sabato, i telespettatori hanno assistito al percorso di scelta dei 12 concorrenti che, per nove settimane, si giocheranno il titolo di Campione della quattordicesima edizione:

La presenza fissa di Emma ed Elisa nel programma in queste settimane ha permesso di far scegliere ogni membro della squadra conoscendo bene le sue capacità. Nonostante il meccanismo di Amici da sempre funzioni come un imbuto, le figure dei direttori artistici, al di là di chi vince o perde, devono portare tutti i ragazzi a emergere. Che rimangano una sola puntata o arrivino fino alla finale.
  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: