Notti sul Ghiaccio, Milly Carlucci: "Resterà al sabato". E sulla 'sfida' dei break risponde C'è Posta per Te

La fine anticipata di Forte Forte Forte porterà Notti sul Ghiaccio al venerdì? Milly Carlucci ne dubita: l'intenzione di Rai 1 è lasciarlo al sabato contro Maria De Filippi.

Dopo le dichiarazioni di Milly Carlucci sulla possibilità del gruppo di lavoro di Maria De Filippi di spostare i blocchi pubblicitari, di ridisegnare il giro dei break e di lavorare per proteggere (giustamente) il proprio programma, ci arriva la precisazione del produttore esecutivo di C’è posta per te, Roberto Maltoni, che pubblichiamo.

Il video integrale dell'intervento di Milly Carlucci a Tv Talk è visibile sul sito Rai Cultura. La dichiarazione riportata è inevitabilmente 'estrapolata' e, altrettanto inevitabilmente, manca dei tratti soprasegmentali, dell'intonazione e del tono del parlante. Il discorso riportato, per quanto con delle notazioni che cercano di ricostruire la sensazione dell'ascoltatore, non possono restituire appieno l'intenzione del parlante.

In attesa del video della puntata di Tv Talk, veniamo alla nota di Roberto Maltoni:

Vi scrivo in merito alle dichiarazioni che voi di Tvblog riportate attribuendole alla signora Carlucci e alle quali purtroppo, mi trovo costretto a replicare. Ci tengo però molto a specificare che non rispondo per alimentar polemica ma solo ahimè, miseramente, per difendere la mia professionalità!
Tra le tante cose che la Signora dichiara (sarei tentato di rispondere sulle presunte strategie che la signora Carlucci addebita alla signora De Filippi o sulle velate cattiverie che ha più o meno nascosto dietro un’apparente innocente lettura di fatti che però purtroppo attengono credo più al suo gruppo di lavoro che non al nostro, ma evito!), mi preme chiarire in particolar modo questa frase: “...In più hanno spostato e tolto blocchi pubblicitari in modo da essere più performanti e per difendere il proprio programma.”.
Ora io dico, è proprio la signora Carlucci che è avvezza ad applicare questo sistema, noi no perché non possiamo, noi! Lei si, sposta i blocchi pubblicitari a suo piacimento. Al punto tale da riuscire a far sparire addirittura un intero blocco pubblicitario posto tra Affari Tuoi e una sua puntata di Ballando con le Stelle. Sia detto, si tratta del blocco più pregiato per le vendite della concessionaria. Vi ricorderete la questione che costrinse addirittura il presidente Rai a darne conto, non senza imbarazzo, qualche giorno dopo il fattaccio sostenendo che, guarda caso proprio quel break, proprio quello, era andato invenduto… Proprio per Notti sul Ghiaccio, di nuovo ha fatto sparire lo stesso break tra Affari e il suo programma per ben due volte, facendolo inserire intorno alle 21.05, proprio in Affari Tuoi.
Oltre a questo, tutti sanno che la signora Carlucci ha uno stile impeccabile e che la si può definire senza tema di smentita, una vera signora della Tv. Ma tutta questa eleganza e savoir faire, vanno a ramengo quando, lei in diretta, vede il programma in onda sulla rete avversaria, essere in procinto di chiudere il blocco. Lì la signora perde tutto il suo stile e, a costo di qualsiasi rocambolesca spaccata davanti alle telecamere, tenta di anticipare la pubblicità di chi è in onda contro di lei.
Questo tanto per dire che le strategie la signora Carlucci le conosce bene bene… e la libertà di spostare come vuole i suoi break, è presto dimostrata da questo sistema.
In Mediaset questa libertà non solo non c’è, ma è talmente tanto importante che i break vadano dove devono andare e che ne vadano quanti più possibile, che ognuno di noi ha imparato quasi ad “amare" i break perché sono la garanzia del proseguimento del proprio lavoro! Se poi proprio la signora volesse guardare con attenzione, scoprirebbe che da qualche mese, ai soliti 7 break di una prima serata (non contando quelli all’interno di Striscia), Canale 5 manda in onda un super break in più, da un minuto che interrompe un blocco di programma. E C’è posta per te non solo si tiene i suoi break e non li sposta ma, come produttore posso anche aggiungere che ne sono molto lieto. Almeno so che il mio lavoro proseguirà.

 

E’ anche normale che di fronte a un dato che non ti soddisfa, cerchi di eliminare pubblicità o spostarla, ma attribuire ad altri quello che invece fai tu, è proprio scorretto e davvero poco elegante. Non era la signora Carlucci, la sostenitrice del fair play e dei sani principi dello sport? Io nell’intervista di oggi questi valori proprio non li ho visti. Volete dirmi che non è la signora Carlucci, ma è la Rai che fa e disfa con i break? Bene, allora però lasciatemi dire che è quanto meno strano che la signora Carlucci non sappia niente dei suoi break, ma conti MALE quelli degli altri…

Vi ringrazio se vorrete pubblicare questa mia.

Cordialità,

Roberto Maltoni



Notti sul Ghiaccio, Milly Carlucci: "Resterà al sabato, è Rai 1 che decide"


Notti sul Ghiaccio

resta al sabato: la chiusura anticipata di Forte Forte Forte, non proprio un programma di punta della Primavera 2015 di Rai 1, sembra non porterà lo show di Milly Carlucci a occupare lo slot, più tranquillo, del venerdì sera. Questa almeno la sensazione della conduttrice che, a domanda diretta di Tv Talk sul possibile spostamento al venerdì, risponde così:

"Credo che chiuderemo al sabato... credo che la volontà della Rete sia quella di tenerci al sabato. E' la rete che decide".

Il Generale Carlucci resta, come sempre, a disposizione di Rai 1: non ha chiesto lo 'scivolamento' al venerdì, facendo quasi capire che in fondo sarebbe stato inutile. L'intenzione del direttore di Rai 1, Giancarlo Leone, è quella di schierarla contro Maria De Filippi. Poco importa che Notti sul Ghiaccio si sia attestato su una media del 14,3% per le prime tre puntate, contro un C'è Posta per te di Maria De Filippi al 26,5%. Ma come ha avuto già modo di dichiarare, Milly Carlucci si aspettava questo tipo di risultato quando hanno saputo che sarebbero partiti a C'è Posta già iniziato, visto che il programma ha debuttato contro la quarta puntata dello show della De Filippi:

"E' come far entrare una macchina di Formula 1 in pista mentre gli altri stanno già abbondantemente in vista del traguardo"

il paragone usato dalla Carlucci, che sa di avere a che fare con una 'monoposto' da campione del mondo, che ha anche un 'box' a sua completa disposizione. Difficile, infatti, non commentare - anche perché in studio vi si fa riferimento - la scelta di C'è Posta di schierare contro la prima di Notti sul Ghiaccio la coppia Littizzetto-D'Urso: una scelta oculata, come osservano in studio, che la Carlucci riconosce alla De Filippi, di cui sembra 'invidiare' la libertà di azione.

"Nel modo di condurre il lavoro di Maria De Filippi va riconosciuta una grandissima strategia, una grandissima capacità come autore e  produttore. Essendo all'interno di un'azienda privata lei può muovere tutte le pedine che le servono per dare il massimo al suo prodotto (...) La puntata con la D'Urso e Littizzetto è stata conservata per essere lanciato contro il nostro debutto... La professionalità di Maria e del suo staff fa sì che non sottovalutino niente. Loro hanno spostato e tolto blocchi pubblicitari in modo da essere più performanti e più dannosi a noi... tutto quello che si fa per difendere i propri programmi. Quindi tanto di cappello..."

anche giustamente, come riconosce la Carlucci, che in qualche modo dichiara così di 'combattere' ad armi 'dispari'. Certo è, aggiunge, che la sua media non è certo sufficiente per vincere il sabato sera, ma

"se fossimo in un'altra serata avremmo vinto la serata. Questi sono tempi in cui si vince la serata col 12%"

dice con un pizzico di amarezza, considerato anche che a differenza dell'edizione del 2007 quest'ultima annata di Notti sul Ghiaccio non può certo godere del traino delle Olimpiadi Invernali di Torino del 2006. Per adesso, e siamo alla semifinale ormai, di uno spostamento al venerdì non se ne parla. Ma mai dire mai...

Notti sul ghiaccio, Milly Carlucci

 

La sfida del sabato sera di Milly, dunque, non si gioca sui numeri ma sui contenuti, come più volte ribadito:

"Valeva la pena portare in tv un format che porta uno sport di valore, che insegna a rialzarsi, che si basa sulla meritocrazia, sull'umiltà e che ha una messa in scena elegante, che ormai si tende a non fare più se non nei grandi format internazionali. La messa in scena che secondo me èe quella di Rai 1 che deve dare al suo pubblico anche bellezza, musica, scenografia, classe..."

aggiunge la Carlucci. Ha mai pensato di fare del suo Notti su Ghiaccio o di Ballando un talent di montaggio, come ormai ci hanno 'insegnato' le tv satellitari e digitali? No, almeno fin quando si parlerà di Rai 1:

"Lo potrebbero anche essere. Sono tanti i talent ormai fatti in montaggio (...). Ma per Rai 1, considerate le generazioni che guardano la tv generalista, la diretta ha ancora grande valore. Il valore dell'imprevisto che sta accadendo in quel momento (...) Le nuove generazioni sono invece abituate e proiettate verso il montaggio (...) Pensa come sta cambiando la televisione (...) La tv generalista, parlando a tutti, è più cauta, meno estrema; invece il satellite sa qual è la sua fetta di pubblico, è una fetta alta (...) e può provare linguaggi più veloci"

dice lucidamente la Carlucci, che il mezzo lo conosce.

Notti sul ghiaccio, giuria

 

Così come conosce la scrittura dei talent/reality. Difficile non tornare, ad esempio, sul 'plot' della giuria, sulla scrittura dei commenti dei giurati di Notti sul Ghiaccio e, perché no, sui rapporti non sempre idilliaci tra Simona Ventura e Selvaggia Lucarelli.
Commentando, infatti, la prima puntata di Italia's Got Talent su SkyUno, la Carlucci ha invitato analisti e critici a dare un po' di tempo alla giuria per trovare l'amalgama:

"La giuria in un talent è il motore di tutto il racconto. In alcuni formati stranieri di Got Talent ci sono delle drammaturgie tarate e replicate nelle varie versioni internazionali (...) Ma ogni giuria nel tempo crea delle dinamiche, che non sempre si possono scrivere. E' vero che in molti talent c'è il montaggio, che si taglia e si confeziona, ma per essere spontanei col tuo vicino di banco bisogna un po' scaldarsi..."

dice il generale, che di giurie ne deve tenere a bada, al netto di 'testi costruiti a tavolino' e di 'polemiche imboccate', come spesso appaiono quelle di Notti sul Ghiaccio soprattutto tra Ventura, Lucarelli e Miccio:

"In realtà Simona Ventura e Selvaggia Lucarelli hanno avuto delle incomprensioni precedenti e sono arrivate ad appianarle proprio in vista del programma..."

e non per contratto, come insinua Dondoni, ospite anche lui di Tv Talk.

"I nostri contratti non sono così eclatanti da portare alla pace - risponde con una battuta la Carlucci - Non è per il vil denaro che hanno fatto pace. Ma da donne intelligenti quali sono hanno compreso che le loro differenze caratteriali e la loro arguzia sarebbero stati un ottimo mezzo per le dinamiche della giuria".

Il Generale non molla mai e non abbandona le sue truppe: certo, magari preferirebbe che il comando generale le desse qualche strumento in più per condurre una guerra vittoriosa, ma è pronta a schierare le sue truppe senza risparmiarsi. Almeno fino a quando sarà al servizio della Rai: con la tv che cambia, si guarda sempre più verso nuove direzione, nuovi pubblici, nuovi linguaggi e nuove avventure.

  • shares
  • +1
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: