Striscia la Notizia smaschera i finti naufraghi della Concordia

Finti naufraghi Concordia
Mentre gran parte degli italiani è chiaramente ipnotizzata dal Festival di Sanremo, è doveroso segnalare l'ennesimo scoop di Striscia la Notizia di cui colpevolmente non abbiamo ancora parlato che riguarda dei finti naufraghi della Costa Concordia, tali Cristina Mazzetti e Gabriele Bezzoli e il loro avvocato, Giacinto Canzona. Una vicenda talmente vergognosa che porta alla luce un livello di speculazione inaudito sulla tv del dolore da far venire letteralmente i brividi.

La storia. Una coppia di sposini presente sulla Costa Concordia si è salvata dal naufragio ma, stando a quanto raccontato nelle varie trasmissioni e sui giornali, la madre ha perso il bambino che aspettava. Come noto, la Costa Crociere come indennizzo per l'incidente al Giglio risarcisce 14.000 euro ad ogni passeggero e per questo la coppia assume un avvocato, tale Giacinto Canzona (il secondo da sinistra nella cover post) perchè tuteli i loro interessi. Il legale si mostra da subito parecchio combattivo recandosi nei vari programmi tv che parlano della tragedia affermando che la cifra per una donna che "ha perso un bambino" che è "la cosa più grave che le possa succedere" ovvero "soli" 14.000 euro, equivale a "prenderla in giro". Come scopriremo successivamente e, come ha rivelato Striscia, questo signore (nomen omen) mentre parlava di cifre, ne forniva altre a dei semplici attori per interpretare i ruoli proprio di questi sposini intervenuti successivamente a "Domenica In", "Domenica Cinque" e "Pomeriggio Cinque". Non solo: ieri sera, giovedì 16 febbraio, il tg satirico ha mostrato la figura di tale Marilena, presente in alcuni programmi insieme all'avvocato, che sarebbe colei che come vedremo telefonerà sia dalla Cuccarini che dalla d'Urso spacciandosi per la sedicente Cristina. Ricostruiamo tutti gli eventi per capire meglio cosa sia accaduto.

Domenica In - Così è la vita del 5 febbraio 2012


Da quando è accaduta la tragedia al Giglio, sono molte le trasmissioni che "fanno a gara" per accaparrarsi i superstiti per raccontare le ore di terrore e come si sono salvati dal naufragio della Costa Concordia. Anche "Domenica In - Così è la vita" condotta da Lorella Cuccarini non ne è esente e nella puntata del 5 febbraio parla di una coppia la cui donna incinta di 5 mesi, per colpa dello stress accumulato durante le ore del naufragio, ha perso il proprio bambino. In studio c'è anche l'avvocato Giacinto Canzona che in merito al risarcimento critica la cifra che la Costa Crociere elargirà ad ogni singolo passeggero. Mentre parla il ledwall della trasmissione mostra una fotografia della presunta coppia, che poi si scoprirà essere sbagliata, ma il legale pur essendo in studio non dice niente. Ad accorgersi del fatto che la donna mostrata nella foto non sia quella che aveva parlato della tragedia, sono i telespettatori che avvisano Striscia della "stranezza". Lorella nella puntata del 12 febbraio si scusa con i telespettatori affermando che la foto "era sta fornita dall'avvocato..." e quest'ultimo per difendersi dall'accusa, in una mail inviata a Striscia, dice che si è trattato di un "mero errore materiale". Un errore che secondo i telespettatori dice che questi due mostrati nella foto erano apparsi come figuranti nella trasmissione "Verdetto Finale". Sempre nella puntata del 5 febbraio la Cuccarini si collega telefonicamente con la presunta Cristina che con dovizia di particolari racconta cosa ha vissuto quella notte. Ma questo è solo l'inizio di una storia che fa acqua da molte parti.

Pomeriggio Cinque - 7 febbraio 2012


Finti naufraghi Concordia

A Pomeriggio Cinque, dove Canzona è intervenuto altre volte anche per parlare di danni della chirurgia e altri argomenti cari a Barbara d'Urso, due giorni dopo rispetto alla Cuccarini, interviene nuovamente al telefono tale Cristina mentre in collegamento da Roma è presente il sedicente marito, Gabriele Bezzoli. La donna, con accento laziale e sempre minuziosamente spiega tutto, dalle perdite di sangue subite, alla corsa in ospedale a quando, il 20 gennaio, ha saputo di aver perso il bambino che aveva in grembo.

Domenica Cinque registrata il 10 febbraio 2012


Finti naufraghi Concordia

Nella mail di cui accennavamo prima l'avvocato Canzona scrive che "i due giovani naufraghi Gabriele e Cristina Margherita compariranno per testimoniare la propria tragica vicenda nella puntata di Domenica Cinque che andrà in onda il 12 febbraio". Venerdì 10 febbraio si registra la puntata suddetta e in studio Federica Panicucci, all'oscuro di tutto, presenta la donna in studio come "Cristina" e il suo compagno. La ragazza è una figura decisamente diversa dalle foto mostrate fin qui e parla anche con accento tipicamente lombardo, differente da quello ascoltato nelle telefonate a Domenica In e Pomeriggio Cinque. La redazione del programma, allarmata da Striscia (che avrebbe trasmesso il servizio la sera stessa) decide di tagliare tutta l'intervista, accortasi evidentemente che c'è puzza di bruciato. In collegamento da Roma con Enrica Bonaccorti c'è ancora il famigerato avvocato Canzona che ripete la propria requisitoria "da applausi" sull'esiguo risarcimento della Costa, ma non dice alcunchè sulla differenza evidente tra le due "Cristina" mostrate nelle varie trasmissioni. Non solo: la ragazza nella liberatoria che bisogna firmare per apparire in trasmissione prima scrive un nome, poi lo cancella e poi si firma come Cristina. Insomma, tutto fa pensare che ci sia più di qualcosa di strano..

La beffa svelata con "Cristina"


Finti naufraghi Concordia

Nella puntata in onda martedì 14 febbraio, Valerio Staffelli porta un Tapiro d'Oro a "Cristina" e si scopre finalmente l'arcano. E' la stessa ragazza protagonista della "scenetta" a Domenica Cinque a contattare il tg satirico per dare la propria versione dei fatti. Cristina in realtà è Margherita Ballarotta, non è la moglie di Gabriele (a sua volta modello), non è mai salita sulla Concordia e di lavoro fa la ballerina, ragazza immagine e hostess. La ragazza di Cassago (LC) afferma di essere stata contattata da Gabriele che a sua volta la fa chiamare dall'avvocato Canzona per interpretare la parte e per un servizio fotografico del settimanale "Chi". "Perchè la vera Cristina non se la sente per motivi di salute", aggiunge dichiarando di essere completamente all'oscuro di tutta la faccenda e di essere stata "costretta" da Gabriele a firmare la liberatoria con il nome di Cristina Mazzetti. Per questo lavoro, per la quale le è stata inviata una mail con quello che avrebbe dovuto dire in trasmissione, Margherita è stata pagata direttamente dall'avvocato.

La beffa svelata con "Gabriele"


Finti naufraghi Concordia

Mercoledì 15 febbraio Striscia manda in onda il filmato in cui Jimmy Ghione è con il fantomatico Gabriele per chiedergli spiegazioni sull'accusa fatta il giorno prima da Margherita che a sua volta affermava di essere stata contattata da lui per interpretare Cristina. Gabriele dice di essere uno studente che si diletta a fare il modello; non è mai stato sulla Costa Concordia e non è sposato. Sostiene di conoscere i due ragazzi mostrati nella foto dalla Cuccarini - si chiamano Simone e Vanessa e quest'ultima è la sua ragazza - mentre riguardo al ragazzo afferma che si tratta semplicemente del "cugino dell'avvocato Canzona", entrambi mai stati sulla Concordia. Gabriele poi aggiunge di essere stato contattato dall'avvocato per fare una partecipazione nel programma della Cuccarini, di non esserci andato e aver saputo che la puntata è andata in onda ugualmente senza di lui con la foto incriminata. Di seguito il cugino, venuto a sapere la cosa sulla quale non aveva dato nè lui nè la ragazza il consenso, chiama Gabriele per spiegarglielo. Successivamente, il legale richiama Gabriele e gli comunica che c'è la possibilità come attore di andare in diretta dalla d'Urso per un compenso di 200 euro interpretando il marito di questa Cristina e poi dalla Panicucci a Domenica Cinque per altri 200. A proposito della signora che si è spacciata telefonicamente per Cristina, il modello svela un particolare agghiacciante: colei che è stata chiamata dalla d'Urso e dalla Cuccarini altri non è che un'amica dell'avvocato. Non solo, nella puntata di Striscia di giovedì 16 febbraio si vedrà che questa donna era stata altre volte presente in alcune trasmissioni proprio a fianco di Canzona.

In tutta questa grigia faccenda c'è un altro particolare inquietante: nell'elenco redatto da Costa Crociere non figurano i nomi di Cristina Mazzetti e Gabriele Bezzoli. Dunque, come si chiama (ammesso che esista) realmente la coppia che ha perso il bambino?

Una vicenda vergognosa che avrà sicuramente ripercussioni di carattere legale nei quali non vogliamo entrare. Ieri la d'Urso si è difesa affermando che era stato l'avv. Canzona a proporre questa ospitata della coppia, anche se poi all'ultimo Cristina aveva avuto un malore ed era stato presente solo Gabriele. La conduttrice si è detta molto risentita del comportamento dell'avvocato che come abbiamo detto era solito frequentare i salotti di Rai e Mediaset anche per altri argomenti. Noi non possiamo che inorridire nei confronti di persone che davanti ad una tragedia che vede coinvolti più di 30 morti, la metà dei quali non ancora recuperati, possano speculare in questo modo sul dolore per una telecamera accesa. Del resto, se ci sono nostri connazionali che vanno a fotografarsi davanti a Casa Misseri o con il relitto della Concordia alle spalle, non possiamo aspettarci di meglio.

  • shares
  • Mail
50 commenti Aggiorna
Ordina: