Max Giusti su Affari tuoi: "Un'edizione più leggera"

max giusti affari tuoi
Il 19 febbraio ripartirà Affari tuoi, il programma dell'access prime time di Rai1 con ben 9 edizioni all'attivo. Ancora una volta il cosiddetto "gioco dei pacchi" avrà il volto di Max Giusti, alla guida del programma dall'autunno del 2008. Intervistato da Sorrisi, Giusti promette alcune novità ed alcuni "aggiustamenti" al gioco. Sarà innanzitutto rinnovata la scenografia del Teatro delle Vittorie, che quest'anno ricorderà un vecchio teatro parigino in disuso, mentre per quanto riguarda la formula, racconta Giusti:

Nel "Pacco matto" c'è un nuovo elemento di tensione, "L'arrivederci", che prevede l'abbandono del gioco. Immaginiamo un concorrente arrivato alla fine con tanti premi grossi ancora in palio: se sceglie "L'arrivederci" è costretto a cedere il posto ad un nuovo concorrente, che prosegue la sua partita. C'è poi lo "Scarta": un pacco che si scarta ma che non viene aperto subito, ma solo quando lo decide il Dottore. Sono novità per rendere il finale ancora meno prevedibile.

Giusti promette cambiamenti anche nella conduzione:

La prossima edizione sarà più leggera. Anche più cattiva per certi versi. Vorrei giocare di più, eliminando qualsiasi filtro: sarcastico e irriverente, pur sempre nel rispetto ovviamente, ma sarò me stesso.



La domanda che tutti gli vorrebbero porre è se si sia stancato, dopo tanti anni, di condurre lo stesso programma (anche perché gli abbiamo sentito dire spesso che sarebbe stata la sua ultima edizione). Lui non ha dubbi:

Affari tuoi è un programma straseguito, con ben 70 milioni di contatti a settimana, e mi diverte condurlo. Perché dovrei rinunciare alla soddisfazione più grande per un artista, entrare a casa degli italiani tutte le sere all'ora di cena? Io però sono un comico, non un presentatore, ho bisogno anche di altro sennò mi sento stretto. Ecco perché faccio anche "SuperMax" a Radio2.

Chissà come andrà la nuova battaglia contro Striscia la notizia...

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: