Sbarre stasera su Rai2 - Giovanni ed Alberto, due ragazzi alla ricerca del “Buon maestro”

sbarre logo rai2 fabrizio moro

Raccontare storie difficili in un percorso a specchio fra passato e futuro su due binari paralleli che forse non si incrocerebbero mai. Questa è l’ambizione dichiarata di “Sbarre” il programma condotto da Fabrizio Moro , interprete con "Respiro" anche della sigla del programma. Nato da un’idea originale tutta italiana stasera alle ore 23:30 su Rai2 partirà "Sbarre", in cui un ragazzo cresciuto, suo malgrado, in una situazione difficile, incontra un carcerato di Rebibbia che gli racconta il suo passato.

Capoprogetto e ideatore del programma è Filippo Cipriano (già autore di Invincibili su Italia 1) che firma con Flavio Andreini e Cosimo Calamini il docureality che entrerà realmente dentro una delle carceri più famose d'Italia raccontando la storia di un ragazzo borderline che incrocia il percorso e la vicenda umana di un carcerato. La regia di "Sbarre" è affidata invece a Piergiorgio Camilli.

TvBlog vi anticipa in esclusiva i protagonisti ed alcuni tratti delle storie incrociate che verranno presentate questa sera. Giovanni D’Ursi nasce nel 1978 e trascorre la sua infanzia fra Secondigliano e Casoria in provincia di Napoli, per poi trasferirsi per problemi di salute a Roma a sedici anni. Giovanni è un ragazzo come molti suoi coetanei, con le stesse passioni e gli stessi sogni e tutto questo nonostante le difficoltà e le conseguenze di un animo timido e tormentato. Si mette spesso nei guai e vive frequenti contrasti con la famiglia. Nel 2001, a soli 23 anni, è protagonista di una lite fra bulli in una discoteca che sfocia in tragedia: Nello Caprantini, 21 anni, muore sotto i colpi di pistola sparati da quello che una volta era un ragazzo timido ed inquieto, che ora si è trasformato in omicida senza scrupoli.

All’interno del carcere Giovanni conosce un detenuto come lui, nasce un’amicizia che lo pone di fronte alla colpa, al vuoto, alla privazione. Da questa scintilla nasce un libro e con lui la consapevolezza di aver trovato un buon maestro. Alberto è un ragazzo i cui problemi sono iniziati, quando diciassettenne si avvicina per “gioco” al mondo dello spaccio nelle zone tristemente famose di Scampia. Anche in lui la tentazione dei guadagni facili lo porta a commettere reati ed ad essere arrestato.

Attualmente Alberto sta scontando la pena presso la comunità Jonathan e da qui sta iniziando a riscrivere la propria vita. L’incontro con Giovanni potrà essere per lui un buon tassello per ricomporre il puzzle di quello che potrà essere il suo domani? Giovanni D’Ursi ha trovato in carcere un maestro che l’ha illuminato. Alberto ha tanto bisogno di trovarne uno. Riuscirà D’Ursi a essere un buon maestro per Alberto? Il tentativo lo vedremo stasera alle ore 23:30 su Rai2 nella prima puntata di "Sbarre".

A seguire una anticipazione di "Sbarre":