Forum - Rita Dalla Chiesa: "Controllerò tutto". Scottata dalla causa con la falsa terremotata

Rita Dalla Chiesa ha in serbo una novità che la riguarda direttamente, per la nuova stagione di Forum (anche se parlare di novità per un programma giunto alla sua ventisettesima edizione - è il più longevo di Mediaset - è un po' strano).

Una novità che racconta all'Ansa:

Ho intenzione di controllare tutti i provini, voglio gestire tutto perché dopo 26 anni, non posso più pagare in prima persona per errori di altri.



Il riferimento, nemmeno troppo velato, è alla puntata ormai celeberrima in cui Forum ospitò una causa con una falsa terremotata aquilana: la ricorderete bene. E se non la ricordate, il video qui sopra spiega tutto.

E infatti, in merito, la Dalla Chiesa precisa:

Quella storia mi ha devastata, è stato un dolore enorme. E ammetto che nel momento peggiore mi sono sentita 'un po' sola. Gli errori di superficialità ci sono stati, anche se fatti in buona fede. Ma quell'episodio non è dipeso da me. Non avrei mai voluto far soffrire chi da due anni non si dà pace. Il dolore lo conosco. No avrei mai potuto lucrare sul dolore altrui. Non mi sarei permessa, sia eticamente sia professionalmente, di mancare di rispetto all'Aquila e ai suoi abitanti.

In effetti, la reazione degli aquilani fu piuttosto dura e si riversò non solo sul web ma anche in trasmissione (che, come sapete, va in onda in diretta). E la Dalla Chiesa sembrerebbe proprio rimasta scottata dall'evento: una figuraccia clamorosa per il programma.

Infatti, all'agenzia racconta:

Io ho preso le distanze in trasmissione dalla parole della signora. Ma non è bastato. Ma ripeto a farmi male è stato il clima di odio, gli attacchi alla mia persona, alla mia famiglia. Hanno messo in mezzo mio padre, mia figlia mio nipote. Insulti inaccettabili.

I fatti non sono andati proprio così: le parole della signora sono state sconfessate dalla conduttrice il giorno seguente, quando Forum era già stato inondato di mail, messaggi e - effettivamente - insulti sulla pagina Facebook. Ed è chiaro che non sia bello ricevere insulti. Ma la situazione, sulla ricostruzione "mediatica" dell'Aquila post-terremoto, era (ed è ancora, anche se non ne parla più nessuno) inaccettabile, e Forum, all'epoca, era stato solo l'ultimo degli elementi di questa ricostruzione.

Difficile dunque che, ad un errore così marchiano potesse seguire una reazione diversa da parte delle vittime del terremoto e delle fantasie della tv.