L'esame di Carlo Conti 2009/2010 - Il Primo della Classe di TvBlog. Voto: 7

il primo della classe tvblog
conti primo

L'allievo Conti Carlo, in fatto di matematica, sarebbe assolutamente il primo della classe. Da ex bancario si è saputo assolutamente fare i suoi Conti, dimostrando di avere i numeri per fare televisione.

Gavetta, simpatia e padronanza dei ritmi televisivi sono dalla sua, ieri come oggi, dopo anni di crescita e tante conferme. L' Eredità a lui tanto cara è, ormai, l'appuntamento fisso più amato del preserale, grazie a una Ghigliottina che con i suoi 'Ahi' e 'Va bene' è diventata ancora più cult. E Conti dimostra che il quiz, se fatto bene, merita ancora tanto rispetto.

Poi è nelle sue mani il varietà perfetto per la prima serata di RaiUno, che coniuga nostalgia e revival, a base di ricordi tutti da rivivere nel presente. Qui Conti ha mostrato ottime doti da intrattenitore e anche inattese qualità nelle interviste da talk show, un ottimo biglietto da visita per una sua tanto attesa, quanto non più prevista per l'anno prossimo, conduzione di Sanremo.

    Il Primo della Classe è l'esame di fine anno televisivo dei 30 campioni più rappresentativi, più dinamici e in vista della stagione tv in via di conclusione. Qui la spiegazione più dettagliata del meccanismo. Domani e domenica gli ultimi due appelli: rispettivamente quelli di Costanzo Maurizio e Cucciari Geppi.

Foto dalla 41° edizione del Premio Barocco da Gallipoli con ospite Alessandra Amoroso Solfrizzi Conti e tanti altri
Foto di TvBlog da I Migliori Anni di Raiuno con Carlo Conti e le 4 madrine Elena Angela Roberta e Sara
Foto di TvBlog da I Migliori Anni di Raiuno con Carlo Conti e le 4 madrine Elena Angela Roberta e Sara
Voglia di Aria Fresca


Conti è abbronzato, ma anche garbato. Sa ridere di quello che fa e al tempo stesso far riflettere. E, quando ci crede in un programma più degli altri, si vede. Lo ha fatto con Aria Fresca, cantando vittoria troppo presto e risultando quasi 'vittima' del suo stesso successo. La lezione da lui imparata è che puoi anche essere bravissimo, ma con un varietà senza grandi ospiti e canzoni non vai da nessuna parte.

Conti continuerà a dare i numeri l'anno prossimo, prendendo in consegna per la prima volta la Lotteria Italia. Augurandogli le Migliori cose per il futuro, ci limitiamo a una valutazione positiva, ma non esaltante. Al di là delle sue indiscusse qualità professionali, persino la dignitosa bravura di Conti è quasi un dato scontato, che non sorprende più. Rispetto ad altri colleghi continua a peccare di personalità, il principale requisito richiesto per spiccare nella classe televisiva.

    LA PAGELLA DELLA REDAZIONE
    Per salto di qualità si intende il miglioramento di percorso a livello, appunto, qualitativo. Per popolarità la percezione che noi abbiamo, anche su tvblog, dell'impatto del personaggio. Per innovazione quello che la sua figura ha comportato (in fatto di stile, linguaggio etc). Per mobilità il rilancio avuto, specie se ha cambiato programmi o ha fatto cose diverse dal solito. Per credibilità l'autorevolezza e la capacità di dare un senso a quello che fa.

    Salto di qualità 6
    Popolarità 8.5
    Innovazione 6
    Mobilità 6
    Credibilità 8
    Media: 7

I GIUDIZI DEI TVBLOGGER

Share: I nostri lettori definiscono Carlo Conti il sanguinario di Rai1, parafrasando ciò che Dagospia dice di Maria De Filippi e non si può negare questo poichè tutte le trasmissioni da lui condotte in questa annata (e non solo) sono stati dei successi. Si era fatto il suo nome quale conduttore di Sanremo poi la candidatura è misteriosamente decaduta. La riproposizione di Aria Fresca, suo cavallo di battaglia agli albori della sua carriera, non ha dato esiti sperati anche se il "compitino" l'ha portato a casa. Forse dovrebbe osare di più, soprattutto avere più coraggio ad affrontare le sfide. E' l'unico difetto che si può trovare ad un conduttore impeccabile come lui.

Gabriele Capasso: Conduttore sempreverde in un'altra stagione di grazia. Da eterno tappabuchi a uomo di punta della Rai, un salto apparentemente enorme, il realtà brevissimo. Ora le cose vanno così, vale a dire benissimo per lui che garantisce quantità ed un volto rassicurante. Niente di trascendentale, ma basta e avanza. Vedremo se gli verrà affidata la grande occasione di Sanremo (qualche mese fa era il favorito) e se saprà sfruttarla. L'impressione è che per lui un posto in tv ci sarà sempre, anche se speriamo per meno tempo rispetto a personaggi come Costanzo.

Lord Lucas: Dove c'è Carlo Conti c'è clima e tutto fila liscio come l'olio. La sua concezione dello spettacolo è quella della vecchia guardia: mettere sempre al primo posto l'ospite o il concorrente di turno. A Voglia di Aria Fresca si è lasciato più andare e ci ha rimesso le penne. Vorrà dire che come capobanda ha i suoi limiti?

ALCUNI COMMENTI DEI LETTORI:

lornova 27 04 2010
"Conti l’ho conosciuto nella primissima puntata di Big, girata in uno studio minuscolo negli storici studi RAI di Torino, allora avevo 12 o 13 anni, ma lui era identico a oggi! Di quell’esperienza mi ricordo che, essendo la prima puntata di Big condotta da Conti, durante un servizio Conti propose una modifica alle inquadrature in scaletta per aggiungere un po’ di dinamismo, ma il regista ha risposto “va bene un corno” perché la scaletta non si poteva cambiare al volo".

xendriusx 26 04 2010
"Quando Carlo Conti conduceva In Bocca Al Lupo era molto più sveglio. Tra l’altro in bocca al lupo era tutti i giorni in diretta. O è la vecchiaia che avanza oppure registrano 15 puntate in un giorno. Deve svegliarsi".

k0ba 28 04 2010
"Mi sono annoiato mortalmente durante Aria fresca, colpa di Carlo Conti che non è una vera spalla, ma sovrasta tutti con la sua ingombrante presenza, con la sua esasperata abbronzatura africana e la piacioneria tipica del playboy versiliense. E poi lo studio è fredduccio, non adatto al calore di un programma di comicità. Ma solo a me Carlo Conti sa di vecchio e stantio?"

silv55 18 03 2010
"Carlo conti è il conduttore fedele alla rai, che non ha mai fatto colpi di testa, lui sa che il passare a mediaset comporterebbe perdere molti telespettatori. e’ sempre stato tranquillo, mai uno scandalo, mai un gossip strano, il suo lavoro e la sua vita tranquilla come quella di qualunque altro. Sa di essere molto fortunato xchè ha un lavoro che gli piace e che gli rende molto, potrebbe anche guadagnare di più, ma non è il tipo che passa alla concorrenza x soldi !!! E’ lui il conduttore dell’anno !!!! BRAVO, BRAVO !!"

Paolidyou 18 03 2010
"Conti è bravo, modesto , è una persona garbata che mi ricorda il compianto Enzo Tortora, sempre al suo posto. Forse, dovrebbe ad essere un po’ piu’ “cattivello” e meno imparziale. Spero vivamente che conduca Sanremo 2011 e che sia riconfermato all ‘Eredita’!!"

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: