La Verità sul Caso Harry Quebert, Patrick Dempsey sorregge l'adattamento del romanzo di Dicker

Dopo Grey's Anatomy Patrick Dempsey torna in tv su Sky Atlantic con la miniserie tratta dal romanzo di Joël Dicker. 

Quanti fan di Grey's Anatomy rimpiangono ancora gli sguardi teneri, penetranti, dolci e ammalianti di Derek e quel sorriso cui nessuno riesce a dire di no? Per tutti voi nostalgici l'appuntamento è imperdibile: Patrick Demspey, l'attore che per tanti anni è stato volto e corpo di Derek sarà dal 20 marzo su Sky Atlantic con La Verità sul Caso Harry Quebert miniserie in 10 episodi tratta dall'omonimo best seller da 800 mila copie solo in Italia, di Joël Dicker.

I più attenti, abbonati a Sky da più di 3 anni, si saranno accorti che i 10 episodi sono già disponibili da qualche giorno nel loro spazio riservato "Extra", per tutti gli altri da mercoledì sera in poi tutti e 10 gli episodi saranno disponibili on demand e in streaming su Sky Go, pronti per una bella maratona targata Patrick Demspey.

La Verità sul Caso Harry Quebert = la miniserie con Patrick Dempsey


E il nome del protagonista è ben chiaro, scritto qui nell'articolo, evidente nella clip e in tutte le foto perchè questa miniserie La Verità sul Caso Harry Quebert esiste solo per Patrick Dempsey. Lui è il centro, l'anima di una produzione che altrimenti crollerebbe sotto il peso della mediocrità. Non a caso pur essendo andata in onda a settembre 2019 sul canale inglese Sky Witness, la produzione era passata quasi sotto silenzio, suscitando un entusiasmo al di sotto delle aspettative che un romanzo così conosciuto poteva portare.

La miniserie si apre con la scena che trovate in testa all'articolo con l'incontro tra Harry Quebert (Dempsey) e Nola (Kristine Froseth), per far capire subito il tema e i protagonisti che vi prenderanno parte. Leggendo il romanzo di Dicker non era difficile immaginare una sua trasposizione televisiva, centinaia di pagine per raccontare la storia di uno scrittore in crisi, del suo mentore in difficoltà e della scomparsa di una ragazzina che stravolge la vita di una piccola città. Un thriller che procede adagio, costruito sui suoi personaggi più che sulla trama, molto più semplice di quanto non possa apparire fin dall'inizio.

La miniserie però dopo essersi assicurata un personaggio carismatico come Patrick Dempsey nel ruolo di Harry Quebert, ha preferito riempire la serie di personaggi secondari e attori inadeguati, facendo crollare l'anima principale del racconto. Il ruolo di Marcus Goldman, l'anima della storia, il giovane scrittore che dopo un fulminante successo entra in crisi e si rilancia aiutando il suo professore, è affidato a Ben Schnetzer attore che fin dalle prime scene appare inadeguato alla parte. Non tutti possono interpretare tutto e Schnetzer ne è la prova più evidente. Inespressivo e monocorde, il suo Goldman non riesce a riempire da solo la scena, dovendo sempre rifugiarsi nella presenza di un altro caratterista e soprattutto di Dempsey.

Peggiore da questo punto di vista è la scelta di Damon Wayans Jr. nel ruolo del poliziotto, sempre sull'orlo di una comicità non necessaria per la parte, più una parodia che un vero e proprio detective. Emblema di una produzione decisa a concentrare i suoi sforzi solo su Dempsey, risultando però insufficiente soprattutto per chi conosce già la storia, per chi ha già sfogliato le pagine del romanzo e quindi ha bisogno di un qualcosa in più per proseguire nella visione della miniserie.


La trama dal romanzo alla miniserie


La Verità sul caso Harry Quebert

racconta la storia di un professore universitario, un tempo icona della letteratura mondiale grazie al successo del suo capolavoro “Le origini del male”, che si ritrova accusato di omicidio, quando viene ritrovato sepolto nella sua proprietà il cadavere di Nola Kellergan, quindicenne scomparsa 30 anni prima e con cui Quebert nell'estate del 1975, nell'estate della sua scomparsa aveva avuto una relazione romantica.

Accanto al corpo della ragazza viene ritrovato anche il manoscritto del suo romanzo più famoso, con cui di lì a poco Harry Quebert avrebbe stupito il mondo appena trentenne. A provare a ricostruire i fatti e ripulire il nome di Quebert, che rischia la pena di morte, ci prova il giovane scrittore Marcus Goldman, ex alunno di Queber che torna dal suo mentore in preda al blocco dello scrittore dopo il travolgente successo del suo primo romanzo. Ospite presso la dimora sul mare del suo mentore, a Sommerdale nel Maine, si troverà invischiato nella complicata indagine per il brutale omicidio di 33 anni prima, che vedrà il professore principale indiziato. Marcus inizia così ad interrogarsi su quanto conosca davvero l’uomo che gli ha cambiato la vita.

Questo il punto di partenza di un intreccio complesso che scuoterà le fondamenta della cittadina costiera del Maine.

Come vedere la miniserie?


Gli abbonati Sky da più di 3 anni iscritti al programma Extra trovano i 10 episodi nella sezione dedicata on demand, per tutti gli altri i 10 episodi saranno disponibili dal 20 marzo dopo la messa in onda dei primi due episodi in prima serata su Sky Atlantic. La verità sul caso Harry Quebert è in streaming su Sky Go e Now Tv.

Il cast della miniserie


Oltre ai citati Patrick Demspey nei panni di Harry Quebert, Ben Schnetzer in quelli di Marcus Goldman, Kristine Froseth come Nola e Damon Wayans Jr in quelli dell’agente Perry Gahalowood, nel cast troviamo Virginia Madsen interpretare Tamara Quinn, proprietaria del locale nel quale lavorava Nola, Joshua Close è invece Luther Caleb, Colm Feore è il magnate Elijah Stern, fra gli uomini più facoltosi del Maine infine Matt Frewer è il Reverendo Kellergan, padre della quindicenne Nola.

  • shares
  • Mail