Gabriella Pession a Blogo: "Anna Mayer proverà a farsi giustizia da sola. Il successo de La Porta Rossa sta nelle parole" (Video)

L'intervista di TvBlog a Gabriella Pession, protagonista della seconda stagione de La Porta Rossa.

A partire da questa sera, mercoledì 13 febbraio 2019, avrà inizio la seconda stagione de La Porta Rossa, serie tv in onda su Rai 2.

Gabriella Pession vestirà nuovamente i panni del magistrato Anna Mayer, la moglie del commissario Cagliostro, che, in questa seconda stagione, verrà accusata dell'omicidio di suo marito.

Intervistata da TvBlog a margine della conferenza stampa, l'attrice italo-statunitense ha parlato delle novità sostanziali riguardanti il suo personaggio:

Ci saranno una serie di personaggi nuovi che saranno veri e propri protagonisti. Anna Mayer avrà una figlia, Vanessa, che porterà una rivoluzione nella vita di questa donna. Questa rivoluzione, però, sarà intralciata dalla giustizia che accuserà Anna di qualcosa di terribile. Anna dovrà distanziarsi dal suo ruolo di donna di legge e proverà a farsi giustizia da sola. Sono due temi fortissimi che muovono il mio personaggio e che lo rendono molto più dinamico rispetto alla prima stagione. E' un personaggio commovente per me perché, anche in questa stagione, ho toccato temi universali per l'essere umano.

Per Gabriella Pession, il successo di una serie è tutto nella sceneggiatura, di conseguenza, non si è mostrata stupita dal successo ottenuto dalla prima stagione de La Porta Rossa:

Non mi chiedo mai se una serie avrà successo o no. Parto dalla sceneggiatura: in questo caso, mi sono innamorata della scrittura. Poi, è successo qualcosa di illogico, di non scientifico. Per me, il successo sta nelle parole. Una scrittura così forte non mi stupisce abbia avuto questo successo.

All'attrice 41enne, abbiamo anche chiesto un'opinione circa il livello della serialità italiana:

C'è una spinta verso il nuovo. La tv italiana sta veramente sfornando prodotti che competono con la tv europea, forse con quella americana no, perché i mezzi sono diversi. Trovo che il prodotto italiano sia vario, ci sia un po' di tutto, sia per il pubblico più anziano che per il pubblico che ha voglia di vedere cose nuove, più moderne, nella propria lingua.

Nel video, ci sono le dichiarazioni integrali dell'attrice.

  • shares
  • +1
  • Mail