Nero a metà, prima puntata: L'apparenza inganna (e lo speriamo)

Claudio Amendola è il protagonista di questa nuova serie poliziesca di Rai 1 in 12 puntate divise in sei prime serate.

 

Difficile giudicare una serie dal pilot, ma si può discutere del pilot. In quanto tale, riserva la maggior parte del suo spazio alla definizione e alla presentazione dei protagonisti di questo Nero a metà, lasciando che si svelino poco alla volta, secondo uno schema molto americano. In questo senso, si sentono echi di una costruzione seriale americana per toni, tempi e modalità di svelamento delle vicende individuali dei personaggi, in un puzzle di cui si presentano progressivamente i pezzi. Magari la differenza sta nella grandezza di questi pezzi: in alcuni casi sembra di essere di fronte ai puzzle per bambini, quelli da sei maxi pezzi, in altri casi si percepisce più raffinatezza e si ha la sensazione di trovarsi almeno di fronte a un 5oo tasselli. L'ingresso in squadra di Malik, invece, è la tipica conclusione di un pilot poliziesco, con l'indagine che sembrava un unicum ma che si rivela la prima di una (lunga?) serie; nello stesso tempo l'incontro/scontro tra il 'nero' e Carlo pecca di un vizio tutto italiano, la diluizione ingiustificata di un equivoco sciolto prima ancora che si presentasse, ovvero la vera identità di Malik. Viene presentato come un'antagonista di Carlo, un sospetto spacciatore di colore, ma si sa dal paratesto che è il suo coprotagonista: la caccia di Carlo a quello che sarà il suo partner dura fin troppo (praticamente 50') e inutilmente. Un peccato non da poco per la costruzione della storia, per la sua credibilità, per il suo ritmo. Tanto più che alla fine della puntata questa prima tensione si scioglie di fronte al ricordo del trauma dell'infanzia del giovane vice-ispettore.  Di certo le vicende personali dei personaggi - come si fa con i concorrenti di un talent - cannibalizzano il 'giallo' che si presenta peraltro confuso.

Il caso di puntata, infatti, procede per cerchi concentrici, non tutti chiarissimi, anche calati dall'alto: si parte dalla droga, si passa per l'ipotesi di una doppia vita, si inserisce a latere il racket degli affitti agli immigrati clandestini che poi si rivela il movente dell'omicidio e che ha a che fare con una donna misteriosa arrivata dall'Africa, che sembra utile non tanto al giallo quanto alla definizione del personaggio di Malik.

Piomba dall'alto anche la complicità tra Alba e Malik: un colpo di fulmine, evidentemente non ancora consapevole, lega i due ragazzi e sembra quasi lo facciano per far star male Carlo, che dal canto suo deve fare i conti, al momento senza neanche tanto pathos, con un mistero che sembra essere 'risolto' ancor prima di essere introdotto (cfr. lo scheletro misterioso che già alla fine della puntata viene ricondotto alla moglie scomparsa di Carlo).

Come pilot vuole, quindi, viene messa tanta carne al fuoco per ciascuno dei personaggi, che mostrano tratti piuttosto consolidati nel genere: l'unica 'emozione' viene dall'uso della N-Word, che dà un tocco di realismo in più, così come il blando comportamento pregiudizievole dei poliziotti di Rione Monti. Blando, perché siamo davvero al grado minimo del 'politicamente scorretto' (se proprio vogliamo vederlo), che altro non è che un espediente per esaltare la storia (esemplare) di Malik. La scena in cui ricorda il naufragio e la morte della mamma per l'affondamento del barcone vale la puntata: per quanto possa essere un background 'banale' (il nero arriva col barcone, di default) è un tentativo di creare empatia con un immigrato adulto, come tanti che sono oggi professionisti e lavoratori ma che continuano a vivere lo stigma 'dell'immigrato'. Visti i tempi, siamo all'opera meritoria sul piano dei temi e dei contenuti rappresentati (meno magari sul piano strettamente narrativo). Interessante, su questo fronte, anche il richiamo al racket degli affitti agli immigrati irregolari, un flusso di denaro che fa da movente a un omicidio premeditato, un tentato omicidio e l'occultamento di due cadaveri.

Il resto sa di già visto (inclusa la fotografia dark di cui ormai sembra non si possa più fare a meno) e già intuito: la prossima settimana entra in gioco un nuovo personaggio, la nuova dirigente interpretata da Antonia Liskova, che subentra a Citran (il quale sembra destinato a salutare tutti alla seconda settimana) e che ha anche precedenti con Malik: questo almeno si è capito nell'anteprima della prima puntata, un teaser che però era più un riassunto della serie. Chissà che non lo si veda anche la prossima settimana come riassunto della puntata precedente e anticipazione della seconda.

Un pilot, quindi, riuscito a metà. Vedremo come procederà nelle prossime settimane.

Nero a metà, riassunto prima puntata


Prima puntata da 100' che serve a introdurre storie e personaggi. L'ispettore Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) del Commissariato Monti fa coppia fissa col collega Mario Muzio (Fortunato Cerlino), ha come superiore il dott. Elia Santagata (Roberto Citran), prossimo alla pensione, ha una figlia, Alba (Rosa Diletta Rossi) che ha cresciuto da solo dopo la morte della moglie e che fa il medico legale sotto la guida di una vulcanica e preparatissima professoressa Giovanna Di Castro (Angela Finocchiaro), che le consiglia sempre di non piegare le sue analisi ai desideri del padre. Carlo e Alba, infatti, lavorano spesso insieme e si incrociano anche in questo primo caso: tutto parte dall'intuito di Carlo che in un giro di perlustrazione cerca di arrestare alcuni spacciatori. Uno, di colore, con un cappuccio in testa, riesce a sfuggirli dopo averlo atterrato, mentre Mario si blocca improvvisamente nel mezzo dell'azione senza riuscire a muoversi. Anche un altro spacciatore riesce a fuggire mettendosi alla guida di un furgone frigo, dal quale cade un cadavere surgelato.

Inizia quindi un'inchiesta di omicidio, mentre parallelamente Carlo è deciso a vendicarsi di quel nero che ha avuto l'ardore di scappargli dalle mani con un'indagine tutta privata.

La vittima è Quintino Rettori, proprietario di un'azienda di surgelati all'ingrosso in difficoltà. Alla guida del furgone in cui era rinchiuso si scopre esserci stato il braccio destro, Di Giacomo, che si serviva dell'automezzo dell'azienda per spacciare.

Sembra quindi un caso facile: l'aiuto deve aver ucciso il capo quando ha scoperto che spacciava. E seguendo il misterioso nero, Carlo si trova proprio sulle tracce di Di Giacomo: li intercetta durante uno scambio di droga. Non sa che anche i colleghi poliziotti e la DIA stanno indagando e così si ritrovano tutti addosso al nero e a Di Giacomo: Carlo scopre così che il nero è un vice-ispettore della DIA, Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz), e che la sua operazione gli ha fatto saltare la copertura.

A questo punto, traffico di droga e omicidio si intrecciano e il dirigente del Commissariato decide di affidare il caso a tutti e due: forma così una nuova coppia, con qualche risentimento da parte di Mario. Vista la doppia figuraccia fatta, Carlo non sopporta Malik, anzi gli sta ancora più antipatico quando capisce che gli piace Alba, ormai prossima a trasferirsi a casa del fidanzato.

Le indagini procedono, ma Di Giacomo non c'entra nulla: ci si concentra piuttosto sugli abiti da donna trovati nello spogliatoio dell'azienda. Si pensa a un'amante, ma presto si scopre che Rettori ospitava una donna, Monique, arrivata dalla Tanzania per cercare il marito e il fratello che lavoravano da lui, ma che lui aveva dovuto licenziare vista la crisi. Insieme si erano messi sulle tracce degli uomini, che - si scopre - avevano trovato ospitalità, a pagamento, in un palazzo occupato di proprietà di tale Fiorito, implicato nel racket degli affitti agli irregolari. Per incastrarlo, Malik rischia la vita: Fiorito, infatti, ha prima nascosto i cadaveri dei due uomini e poi cerca di annegare Malik. Il ragazzo ricorda così il suo arrivo in Italia, quando il suo barcone si rovesciò e lui fu salvato dalla Guardia Costiera, ma vide morire la mamma. Scopriamo così che il ragazzo è stato adottato, dopo aver vissuto per qualche tempo in una casa famiglia dove la mamma adottiva ancora lavora. Carlo capisce così che c'è un trauma nella vita di questo ragazzo, che non è 'un nero', ma che inizia a guardare davvero come un collega. In più Malik era solo in prestito alla DIA, quindi Santagata lo richiede in forze al Commissariato Monti: Carlo e Malik si avviano ad essere una nuova coppia.

Ma c'è un mistero anche nella vita di Carlo: la moglie è morta in circostanze misteriose, anche se Alba ancora non lo sa. La situazione precipita quando viene ritrovato uno scheletro durante gli scavi di un cantiere edile. Su questi resti lavora proprio la professoressa Di Castro. Ma la verità inizia a venire a galla: accanto allo scheletro è stato trovato un braccialetto, che apparteneva proprio alla moglie di Carlo. Cosa sarà successo?

Nero a metà, diretta prima puntata


  • 21.12

    Amadeus svela identità. E poi sveleremo assassini.

  • 21.27

    Un teaser come anteprima.... E capiamo che Carlo (Amendola) prende Malik per uno coinvolto in un omicidio, che questo ha un feeling con la nuova dirigente, che la madre di Alba probabilmente è morta e ha a che fare con uno scheletro rinvenuto in un posto nascosto. Praticamente il riassunto della prima puntata, non un teaser.

  • 21.33

    Ma ormai gira un solo realizzatore di titoli di testa in Italia?

  • 21.33

    Roma di sera, al tramonto, col drone. Si vorrebbe fare un piano sequenza come Una giornata Particolare, ma non si arriva a tanto...

  • 21.34

    Interno, sera: una ragazza, Alba, esce di casa, mentre il padre dorme. Entra in un'altra casa e inizia a spogliarsi, si mette a letto e c'è il suo amore, appena tornato. Scopriremo che si tratta di Riccardo, un giovane avvocato suo fidanzato, Inizio privato con colonna sonora swing.

  • 21.37

    Il poliziotto si ritrova solo a casa, ma esce; la figlia vuole faccia movimento. Prima sua tappa, la giornalaia, la sua amante, sposata.

  • 21.38

    Lì trova il suo compagno Mario (Fortunato Cerlino): la giornata dell'ispettore Carlo può iniziare.

  • 21.38

    Alba intanto 'mette sotto' con la Vespa un tipo dall'apparenza poco raccomandabile.

  • 21.39

    Quello stesso ragazz viene visto in atteggiamenti sospetti: Carlo fa fermare l'auto e si mette sulle sue tracce. E riesce quasi a catturarlo.

  • 21.40

    Muzio si paralizza nel corso dell'azione, non interviene: da un furgone di surgelati che era implicato in uno strano traffico cade un corpo congelato.

  • 21.42

    La professoressa resta a studiare uno scheletro ritrovato in un cantiere edile e manda Alba al mercato dell'Esquilino a occuparsi del caso del cadavere trovato dal padre. La sua prof le dà le indicazioni: su tutte, non compiacere il padre.

  • 21.43

    Il ragazzo 'nero' vede arrivare la ragazza che lo aveva investito. Con lui Carlo ha un conto in sospeso, perché gli è scappato dalle mani.

  • 21.44

    Una donna si preoccupa dell'assenza del marito: se ne occupano Cantabella, che vorrebbe fare uno strappo alle regole di Carlo e raccogliere la sua denuncia, e Repola. Il marito si chiama Quintino Rettori che ha avvertito la sera prima che non sarebbe tornato a cena. E di lui si sono perse le tracce. Il marito ha un'azienda di surgelati all'ingrosso, ma stanno vendendo la licenza.

  • 21.46

    Secondo Alba l'uomo è stato chiuso nel furgone frigorifero ancora vivo, ma non sa dare un'ora della morte.

  • 21.47

    Carlo cerca il nero tra gli schedati, mentre Mario si occupa dell'autista del mezzo, tale Di Giacomo., anche se Carlo non si capacita di come Mario sia rimasto fermo, senza intervenire. Di Giacomo è l'aiuto di Rettori, l'uomo scomparso. E' Carlo a dare alla donna la notizia della morte del marito.

  • 21.51

    "Non potevo fermarmi ma ora so dove trovarti": questo il messaggio che il 'nero' fa trovare ad Alba sulla sua Vespa.

  • 21.51

    Di Giacomo spacciava con quel furgone. Carlo chiede un'indagine patrimoniale su Rettori e anche sui suoi tabulati telefonici. Ma Carlo è un capo premuroso e chiede di comprare un poggiapiedi per la Repola incinta.

  • 21.53

    Carlo fa fare un identikit sul misterioso nero: "Mi sembrano tutti uguali" dice. C'è anche una puntata di The Good Wife sulla difficoltà del riconoscimento interrazziale, lo dico prima che si scatenino polemiche.

  • 21.55

    Caterina e Carlo stanno insieme clandestinamente da 9 anni: lei vorrebbe spingersi oltre, lui frena anche all'idea di andare a vivere insieme, ora che Alba si trasferisce dal fidanzato. Ha più paura lui del marito, Franco, che lei.

  • 21.58

    Si fa vedere che il giovane 'nero' si dà da fare con le ragazze.

  • 22.00

    Già tre rapporti in 40 minuti: domani il Moige strilla.

  • 22.02

    Dal tabulato del telefono di Rettori sono partite telefonate a un numero intestato a lui, ricaricabile. Un telefono non aziendale, ignoto anche alla moglie. Un'amante, come pensa Repola? O era coinvolto nel traffico di droga, come crede Muzio che vede in Di Giacomo l'assassino?

  • 22.04

    Intanto continua la caccia di Carlo alla ricerca del nero. Anche Alba cerca di capire chi sia lo stalker che le ha lasciato quel messaggio sulla Vespa. Le impronte sono inaccessibili, però: qualcosa non torna. LO SAPPIAMO TUTTI CHE E' UN POLIZIOTTO. CHE LINEA INUTILE.

  • 22.09

    Carlo becca il nero che tratta con Di Giacomo. Arriva la Polizia e scopre subito che è un viceispettore della DIA, Malik Soprani, a cui ha appena fatto saltare la copertura.

  • 22.10

    La colpa viene divisa tra tutti e due: Soprani perché non si è fermato prima, Guerreri perché cercava una vendetta personale. E così Santagata, a 10 giorni dalla pensione, li mette a lavorare insieme. Anche Repola pensa sia un extracomunitario in cerca di un permesso di soggiorno.

  • 22.12

    Interrogano Di Giacomo, che vogliono incriminare per la morte di Rettori. Ma lui dice di non sapere nulla della sua morte.

  • 22.14

    Muzio si risente per la nuova coppia: si sente messo da parte

  • 22.14

    "Guidi tu, ma non vorrei tu pensassi che ti schiavizzo perché sei nero" dice Carlo un attimo prima che arrivi Alba e lui gli prometta di spezzargli le cosce se la importuna. Si svela ad Alba come colui che ha sbattuto contro la sua Vespa. Il cerchio si chiude ai 50' della puntata senza pubblicità.

  • 22.17

    Malik e Carlo vanno all'azienda di Rettori. Lì trovano tubi con frammenti di ruggine che secondo Alba avrebbero provocato la ferita a Rettori.

  • 22.19

    In questa azienda ci sono abiti da donna: interrogano la moglie sul secondo cellulare, la brandina in ufficio e gli abiti femminili. La brandina serviva per i lavoratori che non sapevano dove andare. La moglie sa che stava aiutando una persona in difficoltà, ma non sa altro.

  • 22.21

    Un video sul cellulare del marito mostra lui che chiede aiuto, chiuso dentro il furgone. Il cellulare era scarico e ora che era si è acceso ha mostrato il video. Il secondo cellulare, invece, è stato acceso per un attimo a Roma Termini.

  • 22.23

    L'ultimo arrivato viene messo nello stanzino.

  • 22.23

    Caffè Borbone in ogni dove. Malik e Alba si incontrano al bar e finalmente la pubblicità.

  • 22.28

    Arriva la fidanzata di Manlio Di Giacomo: gli dà un alibi. Dice che era con lei, che hanno litigato, che li hanno sentiti tutti. Dice che la notte in cui è morto Quintino Rettori era con lei; lui non l'ha detto perché non voleva metterla in mezzo, altrimenti il padre la uccide se scopre che sta con lui, e poi lei non sa che 'lavoro' fa.

  • 22.33

    E conosciamo la madre adottiva di Malik, Alice Soprani. Si capisce che Malik ha qualche DPT: non vuole entrare nell'infermeria di quello che sermbra un orfanotrofio, non dorme bene la notte... ci vengono dati delle mollichine.

  • 22.35

    Anche sul rapporto tra Alba e la mamma morta: il fatto che usi la sua Vespa e le somigli tanto rendono difficile il 'distacco'. In questa prima puntata le linee personali hanno totalmente il sopravvento per far conoscere i protagonisti, ma sono un po' troppo diluite.

  • 22.36

    Malik ha un colpo di genio: va a controllare i tabulati di Rettori, fa mettere sotto controllo un numero e scopre che il secondo cellulare di Rettori è sempre in azienda. "Bravi, vi siete fatti frega' dal negro!" dice Carlo, che riprende Malik: non doveva chiamare Cantabella, ma doveva parlare direttamente con lui.

  • 22.40

    Nell'azienda trovano una donna e l'arrestano. L'ACCENDETE UNA LUCE, CA**O? Si tratta di Monique Abatou: ha il secondo cellulare di Rettori, ha provato anche a chiamarla. Viene dalla Nigeria e Malik cerca di far leva sulle origini africane per farla parlare.

  • 22.43

    Lei ha lasciato la Nigeria per trovare il fratello e il marito di Monique che lavoravano da Rettori. Sono stati licenziati, ma non le hanno detto niente. Poi non ha avuto più loro notizie ed è venuto a cercarli. Dice che Rettori quella sera aveva un appuntamento. Intanto Carlo si mette sulle tracce dei due uomini.

  • 22.45

    Secondo Cantabella Carlo ha troppi pregiudizi: Malik è bravo e lo scherzo della scrivania nello stanzino è stato cattivo. Intanto Malik raccoglie le informazioni per trovare fratello e padre di Monique. E' in una struttura abbandonata: il proprietario vorrebbe venderlo, ma ci farebbe poco. Racket su affitti ad extracomunitari clandestini: si apre un'altra vicende. Si parla di organizzazione di occupanti: lui non li fa sgomberare perché in fondo gli conviene.

  • 22.48

    Hanno trovato l'auto dei due uomini, ma a Malik non torna la versione di Monique. Vuole capire perché Rettori l'aiutava.

  • 22.50

    "Mi vede come quei neri che cercano di passare la loro vita come il più bianco dei bianchi. Dice che si vede che non so cosa sia la disperazione": Malik si confida con Alba, ma dopo la pubblicità.

  • 22.57

    Il padre di Emma, la bambina di Repola, è un mistero. Malik porta Monique nella struttura della mamma. "Forse Rettori si era innamorato di me, dice Monique, ma l'ha sempre rispettata.

  • 23.00

    Carlo va a cena da Riccardo e Alba. Ma lo chiudiamo questo pilot? Ogni anno vanno a ricordare la mamma: "Partenza all'alba e ai fiori ci penso io" dice Alba.

  • 23.00

    Malik intanto ha un'altra idea per rintracciare il fratello e il marito di Monique: va nella struttura occupata a fare domande e qualcuno li ha visti. Ora sono due cadaveri n una botola: ma qualcuno lo ha seguito, lo picchia e lo chiude nella botola, che inonda. CREDO, PERCHE' NON SI VEDE NULLA!

  • 23.05

    Malik non si trova, Carlo va a cercarlo. E quel rischio di annegamento lo riporta a quando è arrivato col barcone da ragazzino e ha rischiato di morire. E' stato salvato dalla Guardia Costiera, ma ha visto annegare la madre. Ecco, già solo per questo il programma vale il prezzo del biglietto.

  • 23.08

    Il ricordo della madre lo commuove e sistringe a Carlo, che intanto cerca di capire chi lo ha picchiato e quasi ucciso.

  • 23.09

    E' Fiorito, il proprietario del palazzo occupato.

  • 23.09

    Alba consola Malik.

  • 23.12

    Malik va dalla mamma a dirle che ha ricordato tutto del barcone, dell'annegamento della mamma. Cioè, ci sta facendo i conti proprio ora. Ecchecaso. Pubblicità.

  • 23.17

    Fiorito dice che i due sono morti per le esalazioni della cucina lì dove viveva: lui ha nascosti per continuare ad affittare. Rettori l'aveva capito e gli disse che l'avrebbe denunciato alla Polizia: dice che è stato un raptus, ma in realtà ha fatto in modo che la colpa ricadesse sui neri. E' stato lui ad ucciderlo con un tubo innocenti e a metterlo nel furgone.

  • 23.20

    Malik è solo in prestito dalla DIA, quindi entra nella squadra di Monti, in coppia con Carlo.

  • 23.20

    Carlo si prepara ad andare a Civitavecchia con la figlia per l'anniversario della morte della mamma, ma Muzio gli dice che è arrivato il momento di dire la verità ad Alba sulla morte di sua madre. Lanciano fiori in mare.

  • 23.21

    "Io sono qui da quando avevo 5 anni. L'Africa non la ricordo più. Io sono italiano" dice Malik.

  • 23.22

    Carlo non le dice ancora la verità sulla morte della mamma: tanto sono convinta che gliela racconterà la sua professoressa prima o poi....

  • 23.22

    E infatti si capisce subito che il cadavere trovato a Torrevecchia, su cui sta lavorando la mentore di Alba, è quello della mamma. Carlo era geloso di lei: un flashback ce lo mostra mentre le dice" MI avevi detto che non lo vedevi più!". Un braccialetto ritrovato accanto allo scheletro rischia di raccontare tutta la verità.


Nero a metà, anticipazioni puntata 19 novembre 2018

Dopo Alessandro Gassmann tocca a Claudio Amendola investigare nel prime time del lunedì di Rai 1: debutta questa sera, lunedì 19 novembre 2018, Nero a Metà, una coproduzione Rai Fiction e Cattleya (la stessa di Gomorra e Suburra), con la partecipazione di Netflix. La regia è di Marco Pontecorvo (L’oro di Scampia, Lampedusa), mentre il protagonista è, come detto, Claudio Amendola nel ruolo di Carlo Guerrieri, affiancato da Miguel Gobbo Diaz nei panni del giovane collega Malik Soprani, poliziotto di colore e italiano d'adozione che peraltro si innamora della figlia di Carlo, Alba (Rosa Diletta Rossi), medico legale nello stesso Commissariato, quello del Rione Monti.

Nero a metà, la trama


Nero a Metà viene presentato come

"un poliziesco metropolitano che si inserisce nel solco del genere crime-poliziesco per reinterpretarlo in chiave tutta  italiana, portando sullo schermo il ritmo e la vitalità della Roma di oggi in tutta la sua ricchezza e diversità".

Al centro della storia due poliziotti diversi  per carattere, studi, provenienza e colore della pelle: da una parte c'è il romanissimo Carlo Guerrieri (Claudio Amendola), che ha l'Esquilino nel sangue anche se ora non lo riconosce più, e dall'altra Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz), figlio del multiculturalismo che ormai caratterizza i dintorni di Piazza Vittorio.

Carlo è un bravo poliziotto ma testardo e ribelle, due caratteristiche (non nuove per il protagonismo fictional) che non gli hanno permesso di fare la carriera che avrebbe meritato; Malik ha circa 30 anni, è stato il primo del suo corso in Accademia, è perfettino, modaiolo e tecnologico. Due modi diversi di investigare che in coppia funzionano benissimo. A dividerli, però, ci si mette il medico legale Alba (Rosa Diletta Rossi), la figlia che Carlo ha cresciuto da solo, senza una moglie, scomparsa misteriosamente un giorno di tanti anni fa; anche lei lavora al Commissariato e sta per andare a vivere col suo fidanzato Riccardo (Giulio Cristini), ma Malik mette gli occhi proprio su di lei.

Anche Carlo ha una relazione da anni con Cristina (Alessia Barela), la proprietaria dell’edicola sotto casa sua che però è sposata; nel passato dell'uomo ci sono dei segreti che l'arrivo della nuova dirigente potrebbero riportare alla luce.


Nero a metà, i personaggi


Oltre a Carlo Guerrieri (Claudio Amendola), Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz), Elia Santagata (Roberto Citran), Alba (Rosa Diletta Rossi), Riccardo (Giulio Cristini) ci sono altri personaggi che si muovono intorno al Commissariato del Rione Monti e li elenchiamo in basso:


  • Mario Muzo (Fortunato Cerlino), migliore amico di Carlo e sovrintendente capo;

  • Cinzia Repola (Margherita Vicario), poliziotta incinta;

  • Marco Cantabella (Alessandro Sperduti), l'agente impacciato;

  • il dirigente Elia Santagata (Roberto Citran), alle soglie del pensionamento;

  • Prof.ssa Giovanna Di Castro (Angela Finocchiaro), genio della medicina legale e mentore di Alba;

  • Micaela Carta (Antonia Liskova), la nuova dirigente della Squadra Mobile del Commissariato Rione Monti;

  • Alice Soprani (Sandra Ceccarelli), madre adottiva di Malik.


Nero a metà, anticipazioni prima puntata: L'apparenza inganna


La prima puntata sembra presentarsi come un pilot di 100' almeno a leggere la sinossi.

Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) è un Ispettore di Polizia ormai stanco, uno a cui la vita non ha fatto sconti. Il Commissariato è diventato la sua casa, la squadra la sua famiglia: Muzo (Fortunato Cerlino) e gli altri lo temono e lo rispettano come un padre e lui ricambia con un sarcasmo puntuale ma affettuoso. Sotto la scorza da duro Carlo ha un cuore docile che batte soprattutto per la figlia Alba (Rosa Diletta Rossi), cresciuta sola con lui e con cui ha un rapporto strettissimo.

E proprio Alba sta per dargli un dolore: ha deciso infatti di andare a convivere con il fidanzato Riccardo. Una distanza fisica di soli cinque minuti che però Carlo vive come oceanica. Per fortuna sua figlia è anche medico legale ed è chiamata a collaborare con la Polizia sul caso di un uomo trovato morto in un furgone frigorifero. Guerrieri ne è felice e orgoglioso. Ma il caso non è semplice e, a complicare ulteriormente le cose, nel corso delle indagini fa il suo ingresso in Commissariato un giovane poliziotto di colore fresco di accademia: il vice ispettore Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz). Tra lui e Carlo è incompatibilità a prima vista.

Pur tollerandosi a stento, Carlo e Malik devono continuare a lavorare insieme e le indagini li portano in contatto con una comunità di immigrati clandestini: una realtà complessa e non esente da pericoli. Difficoltà di cui Malik, però, testardo e puntiglioso come sempre, sembra non voler tenere conto.

Nel frattempo l’attrazione che il giovane poliziotto ha manifestato fin da subito nei confronti di Alba si fa sempre più palpabile e non tarda ad arrivare agli occhi e alle orecchie di Carlo, la cui gelosia per la figlia è nota a tutti.

Ma c’è qualcos'altro a turbare il Commissario Guerrieri: un segreto del suo passato che minaccia di riaffiorare con la forza di una tempesta.


Nero a metà, la fiction


Nero a Metà è diretto da Marco Pontecorvo, ma nasce da un'idea di Giampaolo Simi e Vittorino Testa; soggetto di serie di Francesco Amato e Giampaolo Simi, coordinamento editoriale di Donatella Diamanti; fotografia di Vincenzo Carpineta. Come già detto, la serie è una coproduzione Rai Fiction e Cattleya, con la partecipazione di Netflix. La Rai è sempre più proiettata verso le nuove produzioni internazionali, quindi.

La serie è composta da 12 puntate da 50' trasmesse in 6 prime serate.

Nero a Metà, come seguirlo in tv e in live streaming


La serie andrà in onda il lunedì, salvo variazioni pre-natalizie, in prima serata su Rai 1. La sesta e ultima puntata è prevista, al momento, per il 24 dicembre, data improbabile per una fiction in prima tv. Vedremo, quindi, come riprogrammeranno la serie per evitare il periodo 'caldo' delle Strenne.

Nero a Metà, second screen


L'hashtag ufficiale non può che essere #NeroaMetà.

 

Foto di Claudio Iannone.

  • shares
  • +1
  • Mail