Le Ragazze: la conferenza stampa del 24 ottobre 2018

La conferenza stampa del nuovo programma di Rai 3.

  • 12:20

    Inizio conferenza. Stefano Coletta: "Abbiamo deciso di portare Le Ragazze in prima serata perché a Rai 3 abbiamo questa metodologia: fare dei test. Nella tradizione di Rai 3, spesso, marchi di prima serata sono stati provati in altre fasce. E' vero che la tv è cambiata, sono cambiati i budget, i numeri zero sono sempre meno possibili... Ma dalla prima messa in onda di questo programma, mi sono reso conto dell'interesse della platea. Questo programma è nato sotto la direzione di Vianello e si prese subito l'attenzione del pubblico. Dopo la prima sperimentazione, abbiamo deciso di cambiargli titolo e nacque la serie Le ragazze del '68: l'ultima edizione ha ottenuto una media vicina al 6%. Ho scelto di portarlo in prima serata anche per un discorso di identità complessiva. Ho voluto dedicare la domenica sera ad una sorta di filiera femminile. La nuova serie non avrà un numero vicino: si intitolerà semplicemente Le Ragazze. Ci occuperemo della storia delle donne, dagli anni '40 fino ai nostri tempi. La mia grande attenzione è quella di lavorare sullo storytelling. Il pubblico ama ascoltare persone comuni che parlano della loro vita e della storia che hanno attraversato. In questo impianto di prima serata, più denso, cominceremo con il seguente incipit: ci saranno donne molto anziane e donne giovanissime che chiuderanno la puntata. In ogni puntata, ci saranno poi altre storie che attraverseranno i vari decenni. Abbiamo immaginato abbinamenti che potessero rendere naturale il racconto. Abbiamo scelto Gloria Guida perché questo prodotto dovrebbe essere mediato senza concettualismi. Ho sempre immaginato una donna sana e bella che potesse rappresentare tutto l'universo femminile. Racconteremo donne comuni, povere, ricchi, malate, ripudiate, donne di valore, di impegno, mamme, casalinghe, nonne... Gloria l'ha fatto con grandissima naturalezza. Era questo il nostro obiettivo. Il lavoro che stiamo cercando di fare a Rai 3 è un lavoro che riguarda la narrazione. C'è molta cura nelle parole e nel registro musicale. Anche i social hanno messo in rilievo questa cura del tempo che noi raccontiamo attraverso la parola, le immagini e la musica. Rai 3 deve tendere sempre a questa pluralità di registri. Le Ragazze apre un filone narrativo come davverlo lo volevamo perché mette insieme tutti questi registri espressivi".

  • 12:40

    Viene trasmesso un estratto della prima puntata. Gloria Guida: "Non sono più una ragazzina, ho i miei 62 anni e me li tengo stretti. E' un bellissimo momento della mia vita. Ho attraversato queste generazioni, ho pensato al mio vissuto e renderlo pubblico. Ciò mi ha aiutato a raccontare al meglio queste storie. Mi ha colpito la vita di una balia, quelle che esistevano una volta, che mi ha molto affascinato. Magari dentro di me, era una cosa che mi sarebbe piaciuto fare".

  • 12:45

    Cristina Mastropietro: "Saranno 30 donne in 6 puntate. In ogni puntata, ci saranno 5 storie. Si partirà con una donna degli anni '40, poi ci saranno le storie riguardanti vari decenni e si chiuderà con una ragazza del nuovo millennio. Scegliere le ragazze non è stato facile. Abbiamo seguito le storie personale e creare una mappa delle emozioni. E' un'enciclopedia delle emozioni. Le donne famose non hanno una preminenza in queste storie. Noi raccontiamo le loro storie, concentrandoci sulla loro prima giovinezza. Quello che ci interessava era avere storie belle da raccontare come quella di Laura Efrikian che ha un immaginario molto legato alla moda, al costume e alla tv. Quello che ci interessava era bloccare il momento in cui una donna così giovane è fatta soprattutto di sogni. La realizzazione di una donna non passa solo per i soldi e per il successo ma per tantissime cose. Stiamo raccontando tutte storie di donne felici perché consapevoli. La consapevolezza è una cosa molto importante".

  • 12:50

    Alessandro Lostia: "Questo programma racconta la storia del paese, si riesce ad abbracciare un percorso culturale e storico. Un prodotto del genere è importante per tutta la Rai, non solo per Rai 3. Vorrei ringraziare Gloria per la passione e per l'entusiasmo che ci ha messo. Ringrazio la squadra di Pesci Combattenti e la squadra Rai. Questo prodotto ha qualcosa di speciale".

  • 12:55

    Gloria Guida: "Come filo conduttore, c'è sempre l'immagine del papà. Questo ricorre in molte storie, nel bene e nel male. La figura del padre è sempre molto presente e ciò accompagna anche me. Se non fossi stata la conduttrice, avrei potuto raccontare tanti momenti della mia vita". Stefano Coletta: "Io andai a vedere Gloria al Sistina in Accendiamo la lampada. Era bellissima e anche molto brava a ballare e recitare. Fui testimone della nascita del suo amore con Johnny Dorelli". Gloria Guida: "Mi ricordo il momento in cui mio padre, a 12 anni, mi spinse praticamente su un palco. Cantai A chi, posso cantarvela anche adesso! Ci fu un applauso pazzesco, non solo da mio papà ma da tutto il pubblico. Io scappai imbarazzatissima".

  • 13:00

    Gloria Guida: "In questo ruolo, mi sono molto impegnata, mi ci sono dedicata molto, mi sono preparata. Mi auguro che il prodotto abbia un bel risultato. Riccardo Mastropietro ha avuto molto pazienza con me". Stefano Coletta: "Le Ragazze del '46 nascevano per i 70 anni della conquista del diritto al voto delle donne. Le Ragazze del '68 nascevano per il 50esimo anniversario della rivoluzione del '68. Ci siamo chiesti se questo programma potesse avere un'evoluzione". Cristina Mastropietro: "Abbiamo raccontato una storia di emancipazioni con i primi due speciali e questa emancipazione non finisce. Il programma è femminile, non femministe. Il discorso sull'emancipazione non è ancora finito. Negli anni '90, ad esempio, le donne incinte venivano ancora discriminate. Questa è una delle tante macchie disseminate nel programma. Ci saranno anche storie di violenza. Armanda, a 17 anni, è stata violentata: lei lo racconta con pudore, quasi con vergogna. Lei sposerà l'uomo che l'ha violentata ma poi prenderà consapevolezza e riuscirà a svincolarsi dalle catene che l'hanno tenuta ferma. Il rapporto tra tutte queste donne e il padre è importantissimo. Il padre è il primo uomo nella vita di una donna. L'istruzione è importantissima per una donna, le permette di svincolarsi. Abbiamo la storia di Rosa Oliva, una donna che volle fare un concorso che, però, era vietato alle donne. Lei si iscrisse ugualmente al concorso e venne fermata dai Carabinieri. Quindi, andò dal suo professore di diritto costituzionale: la Corte Costituzionale, alla fine, diede ragione a Rosa. Da lì in poi, tutte le carriere vennero aperte alle donne. Anche questa è una tappa fondamentale. Dobbiamo essere grate a tutte le donne che ci hanno preceduto e a tutti gli uomini che ci hanno aiutato". Stefano Coletta: "Un tema che attraversa le puntate, molto interessante, è che le donne anziane hanno sempre avuto un'identità vessata dal maschilismo imperante, da padri molto ingombranti. Le nuove generazioni faticano allo stesso modo. Raccontare lo smarrimento identitario delle nuove generazioni colpirà molto il pubblico". Fine conferenza.

Oggi, mercoledì 24 ottobre 2018, a partire dalle ore 12, si terrà la conferenza stampa di presentazione de Le Ragazze, il nuovo programma di Rai 3 condotto da Gloria Guida.

Le Ragazze: il programma

Le Ragazze è il nuovo programma di Rai 3 che andrà in onda a partire da domenica 28 ottobre 2018, dalle ore 21:10.

La conduttrice del programma sarà l'attrice Gloria Guida, al suo debutto in questo ruolo.

Gloria Guida accompagnerà i telespettatori di Rai 3 nelle vite ordinarie e straordinarie di donne che hanno lasciato un’impronta nella nostra società. Le Ragazze sarà un lungo viaggio nella memoria e nella storia italiana, dagli anni '40 fino ai giorni nostri.

Le Ragazze è un programma scritto da Cristiana Mastropietro, con la partecipazione di Claudia Panero, Francesca Cucci e Vincenzo Faccioli Pintozzi. La regia del programma è firmata da Riccardo Mastropietro.

Il programma sarà composto da 6 puntate e tra le protagoniste, troveremo Sara Simeoni, Simonetta Agnello Hornby, Irene Grandi, Laura Efrikian, Alba Parietti, Marica Branchesi, Flavia Perina, Tina Montinaro, Antonia Dell’Atte, Sultana Razon Veronesi, Giovanna Marini e Francesca Vecchioni.

Le Ragazze è un programma prodotto da Pesci Combattenti.

Le Ragazze: conferenza stampa

TvBlog, magazine di Blogo, seguirà in tempo reale la conferenza stampa di presentazione de Le Ragazze, a partire dalle ore 12.

Durante la conferenza stampa, interverranno il direttore di Rai 3 Stefano Coletta, il vice-direttore di Rai 3 Alessandro Lostia, l'autrice Cristiana Mastropietro e la conduttrice del programma, Gloria Guida.

  • shares
  • +1
  • Mail