Vajont, Mauro Corona contro i telegiornali: "Hanno parlato tutto il giorno di Ronaldo. Direttori conigli"

A Cartabianca Mauro Corona attacca i telegiornali nel giorno del cinquantacinquesimo anniversario della tragedia del Vajont: "Si è parlato di Ronaldo, direttori conigli". La replica della Berlinguer

Non solo la lite tra Sgarbi e Giordano. La puntata di martedì di Cartabianca ha ospitato un’altra sfuriata avente come protagonista Mauro Corona. Lo scrittore era in collegamento dal Vajont in occasione del cinquantacinquesimo anniversario del disastro che uccise circa 2 mila persone.

Un appuntamento annunciato da settimane, che Bianca Berlinguer ha confermato per dare vita ad inizio trasmissione ad un ricordo della tragedia. Questo però non è bastato ad evitare gli ormai celebri rimproveri dell’alpinista, indispettito dall’assenza delle commemorazioni nelle edizioni odierne dei telegiornali.

“Non vorrei liquidare il Vajont così presto, mi perdoni Berlinguer, qui ci sono stati 2 mila morti. Lei ha sentito qualcuno dei tg della tv nazionale parlare stasera del Vajont? C’è un rappresentante dello Stato qui? Dov'è Mattarella?”.

La conduttrice ha in un primo momento incassato, salvo poi irritarsi dinanzi alle insistenze di Corona:

“L’abbiamo mandata lì, non mi sembra che mandarla li abbia significato disinteressarsi del Vajont. Risponderanno i tg e chi li dirige, io non li ho seguiti, alle 8 ero qui in studio. Noi rispondiamo della nostra trasmissione”.

Corona non ha tuttavia mollato la presa, rincarando la dose:

I tg hanno parlato di Ronaldo tutto il giorno e non del Vajont. Dove sono i vostri direttori di rete? Sono nascosti come conigli, conigli, conigli”.

L’opinionista ha infine preteso la modifica dei testi di scuola, dove l’avvenimento viene descritto come una tragedia naturale: “Non fu una tragedia naturale come dissero all’epoca Giorgio Bocca e Dino Buzzati, fu una tragedia causata dall’uomo”.

  • shares
  • +1
  • Mail