Matrix, da Signorini a Cristiano Ronaldo: i mille volti dell'attualità

Matrix, la recensione della prima puntata della tredicesima edizione su TvBlog.

Matrix 2018-2019, la recensione


Torna nella seconda serata del mercoledì l’appuntamento con Matrix, spazio di Canale 5 dedicato all’attualità e guidato dai giornalisti Nicola Porro e Greta Mauro. Come da tradizione, anche quest’anno i riflettori sono puntati sulle molteplici sfaccettature dalla cronaca; la puntata di esordio è esemplare: il racconto politico consegna il testimone all’analisi socio-sportiva, che segue l’intervista a un personaggio popolare del piccolo schermo come Alfonso Signorini e precede ll resoconto di casi giudiziari.

Nicola Porro mantiene il suo consolidato stile di conduzione: elegante, disciplinato, mai soporifero (nonostante l'ora tarda). Con la scomparsa dalle reti televisive del talk urlato e delle piazze scalpitanti, il rischio che il savoir-faire di Porro possa risultare simile a quello di altri colleghi, e non lavorare per contrasto, risulta concreto.; tuttavia, pronto ad ammettere le sue lacune e a ringraziare la regia, che da un'auricolare interviene per sostenerlo durante la registrazione, il giornalista si diverte a macchiare di tanto in tanto l'abito buono del conduttore istituzionale con la sua affabilità e cordialità, in grado di depotenziare la carica di mine vaganti come Vittorio Sgarbi e Giampiero Mughini.

L'ampio spazio dedicato ai servizi rallenta la lunga narrazione notturna, già lunga di palinsesto, frammentata da parecchi consigli per gli acquisti; nota di merito per il garbo di Greta Mauro, confinata però al solo angolo social e alla presentazione di alcuni interventi di dubbia efficacia durante la discussione in studio: che contributo apporta alla riflessione sull'influenza di Cristiano Rolando sui social un paragone con i numeri su Instagram della pur seguitissima Chiara Ferragni e di Matteo Salvini? Una conduzione in tandem e paritaria potrebbe rappresentare una novità nel panorama dei talk di Mediaset, sempre più numerosi.

  • 23.30

    Si apre il sipario. Arriva Borghi, il Presidente della 5ª Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, autore di Basta Euro e accusato di essere la causa dello spread crescente.

  • 23.32

    Furio Colombo parla del dramma della lira quando in Italia l'inflazione era al 20%, valuta umiliata. Borghi parla della solidarietà tra paesi prima dell'arrivo della cassa comune: "C'era l'Interrail, tutti i giovani si volevano bene ed ognuno aveva la propria moneta".

  • 23.36

    Spread, un complotto contro l'Italia? Si ripercorrono per sommi capi tutte le fasi dello sviluppo sul tema in un breve servizio.

  • 23.40

    Colombo, parlando del giudizio di Moscovici sulla scelta degli italiani dell'attuale quadro politico dominante: "Borghi è un complottista, Moscovici è un cronista".

  • 23.45

    Daniele Capezzone, intervenuto con un video, non le manda a dire a maggioranza ed opposizione, "quei quattro gatti che hanno passato l'estate a Capalbio". Colombo si inalbera per le parole del direttore.

  • 23.50

    Chi vuole il reddito di cittadinanza e chi no? Alcuni sembrano essersi fatti una ragione per la definizione di "fannulloni". In studio si scatena il dibattito sulla crescita dell'economia italiana.

  • 23.55

    Carlo Stasolla, Presidente dell'Associazione 21 Luglio, sottolinea che non c'è necessità di stupirsi se anche i rom potranno godere del reddito di cittadinanza. Borghi lo riprende: "Purché siano italiani, veramente poveri e rispettino le norme previste".

  • 00.04

    Dal reddito di cittadinanza e lo spread alla biografia di Alfonso Signorini, ospite in studio per un'intervista a cuore aperto.

  • 00.08

    "Ascoltare è una dote rara: io sono sempre stato un ascoltone, talmente tanto che sono diventato sordo"

  • 00.10

    Si parla del fenomeno Ferragnez: da parte di Signorini non c'è snobismo, "sarebbe come coprirsi gli occhi". Il direttore di Chi parla del proprio mestiere, che paragona a quello di un sarto: "Confeziono manualmente il magazine".

  • 00.12

    Alfonso Signorini moralizzatore? Ne va fiero, così come dell'etichetta di "opinionista", abusata nei confronti di persone che non hanno reali opinioni. Parentesi musicale: è proprio la musica la materia a cui non rinuncerebbe mai.

  • 00.18

    La malattia lo ha spaventato, ma Signorini ha ringraziato la fede che lo ha aiutato. Cosa avrebbe voluto che il padre vedesse del suo successo? La regia dell'opera lirica.

  • 00.23

    La realtà del web, quella del futuro, va presa per le corna: Signorini con la sua Casa viaggia anche in rete. Si sente solo? A volte, ma "sto talmente bene con me stesso, col mio gatto e i miei ricordi, che mi va bene così".

  • 00.32

    Scandalo sessuale di Cristiano Ronaldo: in studio si parla delle accuse mosse da una modella al calciatore, che nove anni fa avrebbe abusato di lei a Las Vegas.

  • 00.35

    Oltre agli scandali c'è di più: si racconta la storia del calciatore più chiacchierato degli ultimi anni, dal sogno di dodicenne di un ragazzo trasferitosi a Lisbona al successo.

  • 00.40

    Cristiano Ronaldo, una "macchina da gol", che per gli ospiti in studio ha cambiato il modo con cui all'estero si guarda al campionato italiano.

  • 00.47

    Un progetto commerciale, i cui affetti sono alla mercé di tutti: il quadro offerto deve essere completo. Al dibattito interviene Camillo Langone: "Non sapevo chi fosse, poi mi hanno scritto di doverne parlare. Cristiano di nome e di fatto, senza tatuaggi, ma poi ho scoperto dell'utero in affitto e ho rabbrividito".

  • 00.50

    Sfida fra i titani social: Salvini, Ferragni e Ronaldo su Instagram. "Ronaldo genera emozioni, gli altri no" sottolineano Mughini e Zazzaroni.

  • 00.53

    Marcello Lippi: "Ronaldo? È un fuoriclasse, ha fatto fruttare le doti che la natura gli ha dato. I campioni sono bravissimi, i fuoriclasse vincono. Umile ed intelligente".

  • 01.03

    Si torna a parlare del Forteto: Fiesoli, condannato per violenza sessuale e maltrattamento su minori, è ancora in giro. Paradossale agli occhi dei più.

  • 01.09

    "Arrestano il sindaco di Riace e tengono libero questo criminale. La giustizia è ingiusta". La giudice Melita Cavallo, ex presidente del Tribunale dei Minori di Roma, sottolinea la responsabilità di tutte le istituzioni che hanno coperto Fiesoli.

  • 01.16

    Viene data voce ad una delle vittime del Forteto, Lidia Favilla, che insieme a tanti altri abusati si sono esposti nuovamente contro la scarcerazione di Fiesoli

  • 01.23

    La realtà del Forteto è ancora attiva, nonostante l'interesse della politica regionale. Sgarbi rilancia: "Una commissione di inchiesta può mettere sul banco degli imputati i magistrati che diedero fiducia a Fiesoli".

Motori accesi per la nuova edizione di Matrix, il programma di Videonews che racconta l'attualità nella seconda serata di Canale 5. La prima puntata della nuova edizione è fissata sul calendario per mercoledì 3 ottobre, ore 23.30; alla guida il giornalista Nicola Porro, in onda anche con Quarta Repubblica il lunedì sera su Rete 4, con la partecipazione di Greta Mauro.

Matrix, anticipazioni 3 ottobre 2018


Nell'esordio dell'edizione 2018/2019, Matrix accoglierà Claudio Borghi, Presidente della 5° Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, finito negli scorsi giorni nell'occhio del ciclone per alcune affermazioni relative alla manovra economica del governo giallo-verde e al futuro della moneta unica europea.

Spazio alla cronaca rosa con un'intervista faccia a faccia di Nicola Porro al direttore Alfonso Signorini, che da esperto di gossip sviscererà alcuni tra gli eventi più chiacchierati degli ultimi mesi: dal Royal Wedding di Meghan e Harry, al matrimonio tra l'influencer Chiara Ferragni e il rapper Fedez.

Parentesi sportiva: Giorgia Rossi, Ivan Zazzaroni e Giampiero Mughini approfondiranno il fenomeno Cristiano Ronaldo, ripercorrendo le luci e le ombre della sua carriera e della sua vita privata.

Matrix, dove e quando vederlo


L’appuntamento con Matrix è tutti i mercoledì alle 23.30 su Canale 5. È possibile rivedere la puntata sul portale on-line Mediaset Play dal giorno dopo.

Matrix, second screen


Matrix è raggiungibile sui social (Facebook e Twitter) attraverso l'hashtag #Matrix.

  • shares
  • Mail