Mara Venier: "Tornare a Domenica In è una rivincita, per la Rai quattro anni fa ero vecchia"

E mette le mani avanti per la sfida di ascolti con Domenica Live di Barbara d'Urso: "Vincerà lei"

mara-venier_5ac7547.jpg

Niente diplomazia. Mara Venier lo ammette senza problemi: quello a Domenica In "non è un ritorno, è una rivincita". Nella prossima stagione la conduttrice, come annunciato mesi fa in anteprima da Blogo, sarà alla guida dello storico contenitore di Rai1 per la decima volta. Quattro anni fa l'addio, non senza polemiche, come ricorda oggi la Venier su Il Corriere della Sera:

All’epoca il direttore di rete era Giancarlo Leone, i vertici Rai mi dissero che ero vecchia per condurre quel programma. Evidentemente quattro anni dopo sono tornata pischella...

La svolta qualche mese fa in treno, su iniziativa del dg Rai Mario Orfeo:

Ero in treno, facevo ogni settimana su e giù tra Milano e Roma per l’Isola dei famosi. Un giorno incontrai il direttore generale Orfeo e mentre stavamo chiacchierando lo chiamò il direttore di Rai1 Teodoli. Il dg me lo passò e lui mi disse: cosa aspetti a tornare a casa? Sono rimasta senza parole.

Zia Mara spiega di non aver accettato subito la proposta:

Ci ho pensato moltissimo. Mio marito (Nicola Carraro) non era d’accordo, perché sa che quando sposo un’idea mi ci butto a capofitto. Abbiamo la nostra vita e lui sa che questo programma toglie molto al nostro vivere quotidiano.

Destinataria della prima telefonata è stata Maria De Filippi, perché "mi ha aiutato tantissimo in un momento professionale ma anche privato molto difficile. Sono cose che non dimentico". La conduttrice di Canale 5 non ha provato a trattenere la Venier ma, anzi, "mi ha incoraggiato" dicendole "Vai. Però se fosse stato un altro programma ti avrei convinta a non farlo".

La Venier ha citato anche Rita Dalla Chiesa e Sabrina Ferilli indicandole come sue amiche appartenenti al mondo dello spettacolo. Quindi ha spiegato il concept alla base della sua 'nuova' Domenica In:

L’idea di base è fare una domenica serena e divertente, fatta di leggerezza ma anche di momenti di riflessione. Mi piacerebbe anche riportare i giochi: in tv si parla, si parla, si parla e basta. Penso a un omaggio a Boncompagni e alle sue vecchie Domeniche in con il mitico cruciverba. Poi ci saranno le interviste, non solo a personaggi famosi ma anche a chi ha una storia da raccontare.

Infine, sulla concorrenza di Domenica Live di Canale 5 che anche nella prossima stagione tornerà in onda con la conduzione di Barbara d'Urso:

È fortissima, è una macchina da guerra, ha saputo anche prendere il pubblico di Rai1, inutile nasconderselo. Ci siamo sentite tre giorni fa per dirci che la stima reciproca rimarrà intatta anche se sappiamo che ci metteranno in competizione. Ma ognuno fa il suo lavoro. Le ho già detto che la sfida degli ascolti la vincerà lei, io cerco di fare il mio con serenità.

  • shares
  • Mail