Pino è... il pubblico che canta allo Stadio San Paolo di Napoli (al termine delle quasi cinque ore di concerto)

Pino Daniele, Pino è: il concerto omaggio al celebre cantautore in diretta dalle 20.30 circa.

Si è svolto il concerto evento "Pino è" che ha visto, radunati sul palco, una marea di cantanti e attori pronti ad omaggiare e ricordare il celebre cantautore napoletano. Sulla carta, poteva assumere il significato assoluto di celebrazione ed evento, con commozione palpabile ma il risultato, ahimè, ha avuto momenti altalenanti fra loro.

Partiamo da un punto chiave principale: cantare Pino Daniele è difficile, quasi impossibile. Le sue canzoni erano completamente rivestite del suo stile ed è complicato riportarne la magia dell'interpretazione sul palco. Ancora di più quando il concerto raggiunge una durata dal sapore sanremese: quasi cinque ore di diretta -con inizio intorno alle 20.45 e chiusura all'1.29- porta automaticamente ad un livello di calo fisiologico di attenzione o pathos.

Il momento più bello del concerto è stato, per assurdo, il finale, con lo stadio San Paolo che cantava "Napule è", invitato da Biagio Antonacci, sul palco. Un momento che ha davvero celebrato l'amore e l'affetto del pubblico verso il cantautore. Che questo sia avvenuto alla fine del live e a quell'ora improponibile della notte, stride e sa di occasione sprecata.

Efficaci i video -seppur brevi- trasmessi sul maxischermo, prima delle numerose esibizioni, in assenza di un conduttore. E l'affetto "autogestione" ha portato anche a qualche problema inevitabile come decine di secondi di silenzio con inquadrature a caso della folla che salutava o il duetto Jovanotti/Eros tagliato dalla pubblicità e ripreso dall'inizio -fingendo che nulla sia accaduto- con il ritorno alla diretta Rai.

Pino è... il pubblico che lo canta, la sua gente che intona canzoni in coro e che grida "Olè, olè, olè, olè,.. Pino... Pino...". E' questo, principalmente. Cinque ore di concerto e monologhi, invece, rischia di apparire dispersivo e poco narrativo nella sua essenzialità più pura.

  • 20.32

    Collegamento del Tg1 con Giorgio Panariello che annuncia l'inizio del concerto composto da amici, e non solo colleghi, di Pino Daniele

  • 20.47

    Inizia la serata evento con una serie di immagini e brevi video in memoria del cantante. In sottofondo le note di "Quando quando quando". Il concerto parte con il mega schermo che trasmette un live del cantante con "Yes i know my way"

  • 20.51

    E ad aprire il live è Jovanotti, rappando (con frasi dedicate al cantautore)

  • 20.54

    Video di Pino Daniele che parlava di Alessandro Siani. Ed ecco l'attore salire sul palco. L'effetto dello Stadio pienissimo è emozionante. "Olè, olè, olè, olè,.. Pino... Pino..." scoppia il boato. Fa canticchiare "Qualcosa Arriverà".

  • 20.57

    "La musica di Pino Daniele nun se sente, se tocca" ricorda Siani, ricordando anche che nel collegamento, l'audio ha poi smesso di funzionare.

  • 21.00

    Ritorna Jovanotti sul palco per cantare "Putesse essere allero". Poi presenta Biagio Antonacci.

  • 21.05

    Biagio canta "Che Dio ti benedica". E' un brano presente nel disco omonimo del 1993. Ai tempi ha raggiunto il terzo posto nella classifica dei dischi più venduti in Italia. "Ero con Pino, un giorno, stavamo lavorando sulla canzone e gli ho chiesto "Di cosa stiamo parlando?" "Ti piace o non ti piace? E allora cantala..." E scatta Che male c'è.

  • 21.10

    Lo raggiunge, sul palco, Alessandra Amoroso, in un duetto. "Ciao Pino, ciao Napoli!" è il loro saluto. Poi ricordano la raccolta fondi di Open Onlus e Save the children. Poi guardano un'intervista video di Pino Daniele ospite di Enzo Biagi.

  • 21.16

    Giuliano Sangiorgi sul palco per interpretare "Quanno chiove". Viene raggiunto da Emma Marrone. Hanno suonato con la band di Nero a Metà.

  • 21.22

    Altro video di un live di Pino Daniele prima della pubblicità.

  • 21.29

    Vanessa Incontrada in un video che parla del saper parlare alle donne di Pino Daniele. Scattano i titoli di apertura, quindi la parte precedente era un'anteprima (anche se vero e proprio inizio di concerto). Sul palco sale Giorgia con "Questo immenso". "Ringrazio Pino per quello che ci ha donato e ci ha lasciato" commenta prima di lasciare il palco.

  • 21.35

    Francesco De Gregori, insieme ad Enzo Avitabile, canta "Generale", pezzo che Pino amava particolarmente.

  • 21.41

    Salemme ricorda che Pino ha fatto la colonna sonora di "Amore a prima vista". "Sono qui perché volevo bene a Pino, avrei voluto scrivere una lettera a Pino..." ammette.

  • 21.44

    Eros Ramazzati prende il suo posto sul palco per cantare "O scarrafone". Ovviamente il pubblico canta a squarciagola il celebre ritornello "Con Pino abbiamo avuto un rapporto bellissimo fin dal 1988..." ricorda Eros. E poi esegue "A testa in giù".

  • 21.54

    Viene raggiunto da Jovanotti per interpretare, insieme, A Me Me Piace O Blues. E, alla prime note che succede? PUBBLICITà. Canzone interrotta, così, tanto per...

  • 21.59

    Si torna dalla pubblicità con il palco libero. E rientra Eros Ramazzotti per essere nuovamente raggiunto da Jovanotti per "A Me Me Piace O Blues". Facciamo finta che prima non sia successo niente? Altra parte rappata da Jovanotti.

  • 22.06

    Pierfrancesco Favino ricorda i viaggi in macchina con Pino Daniele in radio. "Ci ha regalato l'emozione di poter resistere e restare nel posto in cui eravamo, senza dover scappare" ricorda.

  • 22.07

    Si torna al concerto con Claudio Baglioni al pianoforte. Canta "Alleria del 1980. Baglioni prende il microfono per parlare dell'incontro con Pino Daniele. Poi, commosso, intepreta "Io dal mare".

  • 22.19

    "Portaci, portaci, portaci a Sanremo!" intona Pieraccioni tanto per cambiare argomento dal binomio Baglioni/Sanremo. "Io mi ero guadagnato l'amicizia con Pino..." ricorda, prima di intonare una poesia.

  • 22.23

    Elisa ha il compito difficilissimo di interpretare "Quando". E viene affiancata da Fiorella Mannoia. Il ricordo di Pino di Elisa: guardava dei cigni e il giardiniere le raccontò che Pino, spesso, andava lì per guardare i cigni. E quando cantarono insieme, lui stesso le raccontò dell'importanza del silenzio.

  • 22.36

    Antonello Venditti riapre la diretta dopo la pubblicità. E anche lui ricorda Pino Daniele, cantando "Notte prima degli esami".

  • 22.45

    Elisa e Gianna Nannini cantano "Je so pazzo"

  • 22.47

    "Questa è una di quelle sere in cui mi dispiaccio di non essere napoletano..." inizia Brignano, sul palco. "Roma e Napoli un po' si assomigliano no?" Dai fischi, io cambierei rotta, Enrì, poi vedi te. Poi prova a dire qualche frase (diciamo, liberatoria) in napoletano. "A Napoli le parolacce sono poesia..!". E le differenze tra le parolacce al Nord e al Sud. Ve lo giuro eh. E chiude il monologo citando Anna Magnani.

  • 22.53

    Ovviamente è il momento di "Anna verrà" cantata da Gianna Nannini.

  • 23.00

    Segue Fiorella Mannoia, tornata sul palco, con Sulo pe' parlà .

  • 23.01

    Arriva Edoardo Leo che parla del significato della canzoni dei testi di Pino Daniele. E poi lascia nuovamente spazio a Fiorella Mannoia con "Senza 'E Te". "Io lo voglio ricorda e così, con una immagine" e mostra una loro foto mentre lui rie.

  • 23.09

    Troisi, Minà e Daniele insieme in un video cult, prima della pubblicità.

  • 23.14

    Si ritorna con un altro video di Pino Daniele che parla di Eduardo. Poi, arriva Vincenzo Salemme a parlare della filosofia del caffè. Il Monologo del Caffé, da "Questi Fantasmi" di Eduardo De Filippo in sintesi.

  • 23.16

    E arriva Clementino con 'Na tazzulella 'e cafè. A Pino ha regalato una caffettiera che quando era pronto cantava "O surdato nnammurato".

  • 23.21

    It's Now or Never è il prossimo pezzo interpretato da Il Volo. Poi Je sto vicino a te.

  • 23.29

    E' il momento di De Gregori con "Anema e core" insieme alla moglie, Alessandra Gobbi. Segue Marco d'Amore con un monologo sui brani di Pino Daniele. "Mal di te" è il pezzo interpretato da Giuliano Sangiorgi. "stateve buono guagliù" la citazione per il suo saluto al pubblico.

  • 23.48

    Dopo il tg, arriva Ornella Vanoni con "Anima" insieme a Federico Zampaglione. "Emozione" la parola per definire Pino.

  • 23.51

    Intervista d'archivio di Pino Daniele prima dell'ingresso di Massimo Ranieri. "Cammina Cammina" è il pezzo interpretato. Dopo di lui torna Sangiorgi con "Sicily".

  • 00.01

    Ritorna Fiorella Mannoia con Terra mia.

  • 00.05

    Emma in duetto "virtuale" con Pino Daniele sotto le note di "Io per lei". Un classicone. "Su Pino avrei da dire moltissime cose, cose nostre... Quando mi chiamava e leggevo Pino Daniele mi scoppiava il cuore".

  • 00.11

    Arriva Francesco Renga sul palco per duettare con Emma in "Musica musica"

  • 00.22

    Alessandra Amoroso canta "Dubbi non ho" e ricorda l'affetto di Pino Daniele per lei e il sostegno avuto durante un live insieme.

  • 00.25

    "Se mi vuoi" cantata da Irene Grandi (in duetto virtuale).

  • 00.29

    Dopo l'intervento di Giallini, ecco Mario Biondi con "Notte che se ne va" insieme a Il Volo (di ritorno sul palco)

  • 00.34

    Nun me scuccia' cantato da Zampaglione e Sangiorgi. Siamo a quasi quattro ore di concerto.

  • 00.37

    Enzo Avitabile e James Senese sul palco, insieme. I due omaggiano l'amico con Tutta n'ata storia.

  • 00.45

    Arriva sul palco Enzo Decaro a cui segue l'intepretazione di Lazzari felici da parte di Teresa De Sio e Paola Turci.

  • 01.00

    Dopo la pubblicità, arriva J-Ax. "Pino è immortale!". E poi canta "Anni amari"

  • 01.05

    Mariangela d'Abbraccio recita O Mare di Eduardo De Filippo. Segue Gragnaniello e Senese con "chi tene 'o mare". Siamo all'1.08 di notte... per dire eh.

  • 01.14

    Donna Cuncetta dellaa Nuova Compagnia di Canto Popolare

  • 01.20

    Biagio Antonacci con "One day" cantato insieme a Pino Daniele in originale.

  • 01.24

    Forse siamo arrivati alle battute finali con "Napule è". Tutto il pubblico la canta, un momento molto bello (che all'1.24 è davvero un peccato...).

  • 01.27

    I TITOLI DI CODA. Cinque ore di concerto.

  • 01.29

    BUONANOTTE.

pino-daniele-concerto-tributo-rai1.jpg

Un evento straordinario per un artista mai dimenticato: “PINO È”, il più grande tributo live della musica italiana a Pino Daniele, in programma giovedì 7 giugno nello Stadio San Paolo di Napoli, verrà trasmesso in diretta da Rai1 e Rai Radio2 a partire dalle 20.35. Noi di TvBlog seguiremo, minuto per minuto, il concerto evento.

Pino è | Cantanti ospiti

“Pino è" sarà un’occasione unica e irripetibile per omaggiare la musica di Pino Daniele nel luogo simbolo della sua città, insieme ad alcuni tra i più grandi artisti del panorama musicale, nonchè amici del cantautore napoletano. Oltre ai già annunciati Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francsco De Gregori, Tullio De Piscopo, Elisa, Emma, Tony Esposito, Giorgia, J-Ax, Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti, Ron, Tiromancino, Giuliano Sangiorgi, James Senese, Antonello Venditti, Gigi De Rienzo, Rosario Jermano, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo, per questa grande occasione saliranno sul palco dello Stadio San Paolo di Napoli anche Loredana Bertè, Clementino, Teresa De Sio, Enzo Gragnaniello, Irene Grandi, Il Volo, Marcus Miller, NCCP - Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Raiz, Massimo Ranieri, Red Canzian, Francesco Renga, Paola Turci, Ornella Vanoni.

E con la testimonianza di Alessandro Siani, Giorgio Panariello, Pierfrancesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Marco Giallini, Marco D'Amore, Salvatore Esposito, Mariangela D'Abbraccio, Enzo Decaro e altri ancora… Inoltre, non potranno mancare le band storiche di Pino Daniele, Vai mo’ e Nero a Metà, amici, prima che colleghi, che hanno condiviso con Pino momenti di musica e di vita negli oltre 40 anni di carriera del cantautore napoletano.

Angelo Teodoli, direttore di Rai1, ha dichiarato:

«Rai1 non poteva restare in disparte in un appuntamento così importante per la cultura, la musica, l'arte napoletana e quindi italiana. Lo fa affidando a una grande prima serata, emotiva e intensa, le parole e la musica di Pino Daniele. Lo fa tramite grandissimi interpreti e in una ambientazione da brividi: quella Napoli che ha fatto nascere Pino, che lo ha fatto diventare quello che era e che gli ha permesso di raccontarla al mondo intero sia con le lacrime che con il sorriso, ma sempre con grande amore».

Dal 25 maggio, è online il video di “Resta quel che resta", lo straordinario nuovo brano inedito di Pino Daniele, composto e inciso oltre 9 anni fa e ritrovato solo adesso, a tre anni e mezzo dalla scomparsa del cantautore napoletano. Il video, diretto da Sebastiano Bontempi, è un omaggio al popolo e alla città del cantautore napoletano: le immagini girate per le strade di Napoli rappresentano “l’amore intorno” che è rimasto.

“PINO È” è un programma di Paolo Biamonte, Simone Di Rosa, Alessandra Scotti, Chicco Sfondrini, Francesco Valitutti. Direzione artistica di Giampiero Solari. Regia di Cristian Biondani.

Appuntamento a questa con la diretta liveblogging!

  • shares
  • Mail