Diritti tv Serie A: rescisso contratto con Mediapro, ora nuovo bando

Saltato l'accordo con il gruppo spagnolo considerato inadempiente, la Serie A sembra destinata a Sky

Tv Cameraman and official Serie A Ball  Roma 26-10-2016  Stadio Olimpico  Football Calcio Serie A 2016/2017 Lazio - Cagliari  Foto Andrea Staccioli / Insidefoto

Dopo lo stallo degli scorsi giorni a seguito dell'annullamento del bando, ieri i club di Serie A hanno deciso all'unanimità di rescindere il contratto con Mediapro, considerata inadempiente, non avendo presentato le garanzie richieste dal bando (si era aggiudicata i diritti come intermediario offrendo 1050 milioni a stagione per il triennio 2018-2021). Dunque, per quanto riguarda l'assegnazione dei diritti tv del massimo campionato di calcio per i prossimi tre anni si va verso un bando d'urgenza, anche se resta da risolvere la questione relativa ai 64 milioni di euro versati come caparra da Mediapro, che in realtà ha comunque ancora sette giorni per portare le garanzie (una fideiussione bancaria) che non è stato in grado di portare finora.

Riaperte, dunque, le trattative della Lega con i privati Sky, Perform (una società tedesca che vuole lanciare in Italia la Netflix del pallone) e Mediaset.

La richiesta di partenza della Lega sarà di un miliardo e cinquanta milioni di euro, ossia la stessa cifra messa da Mediapro. Con ogni probabilità si chiuderà a 950-970 più i diritti di archivio.

Da scongiurare l'ipotesi che il campionato di Serie A inizi (quest'anno in campo dal 19 agosto) senza copertura televisiva.

  • shares
  • +1
  • Mail