Elezione Presidenti Camere, Maratona Mentana a oltranza (e il direttore lancia le "assegnazioni")

Enrico Mentana segue in diretta il primo giorno del nuovo Parlamento e si prepara a restare in onda fino all'elezione dei Presidenti della Camera e del Senato.

0323_141200_mentana.jpg

MaratonaMentana no-stop fino all'elezione dei Presidenti delle Camere: come annunciato dal direttore del Tg La7, lo speciale per la copertura del primo atto della nuova Legislatura proseguirà sabato 24 marzo, dopo una prima giornata interlocutoria per le votazioni a Palazzo Madama e a Montecitorio. Il secondo giorno di Maratona potrebbe partire già alle 9.00 è iniziata alle 11.00, dopo Coffee Break, per proseguire fino all'elezione dei nuovi Presidenti. E comunque Mentana non ha nessuna intenzione di lasciar scoperta una narrazione così avvincente e piena di colpi di scena.

Che questa prima giornata sarebbe servita solo a scaldare i motori era chiaro ai più, ma nessuno si aspettava la svolta delle 18, con lo strappo di Salvini verso Berlusconi. A vuoto le prime due votazioni previste per oggi al Senato, presieduto eccezionalmente dal Senatore a Vita e Presidente Emerito Giorgio Napolitano, protagonista di un discorso inaugurale irrituale per forza e contenuti - ma a lui certo non estraneo (e basta ricordare l'indirizzo della sua seconda Presidenza). Dalla terza si delineeranno i nomi per il ballottaggio finale, quindi si presenta come un momento molto delicato. Non meno delicata la situazione della Camera, ancora ferma su votazioni che hanno visto prevalere le schede bianche.

Per i Maratoneti di Mentana si profila un weekend interessante: inutile dire che i fans auspicano un lungo fine settimana di corrispondenze di Sardoni e Celata, di chiame e spogli, di interviste e retroscena.

Le chicche di Chicco non sono mancate: la più amata dai social sembra essere la battuta con cui Mentana ha commentato la mossa di Salvini, che ha fatto saltare il tavolo votando al Senato Anna Maria Bernini contro Paolo Romani, il candidato voluto da Berlusconi. "Berlusconi ha spaccato i Maroniani...".

In basso il video.

 

MaratonaMentana | Il debutto delle "assegnazioni"


mentana.jpg

Ogni #MaratonaMentana presenta una novità: se per la lunga notte delle Politiche 2018 ci fu la diffusione delle proiezioni Rai e Mediaset per evitare lo zapping, questa volta il Direttore si è esplicitamente fatto regista.

Non che non lo sia mai stato. E' sempre stato lui a chiamare inquadrature e collegamenti, evocare o ignorare i break pubblicitarie, gestire tempi e interventi. Per ridurre i tempi di collegamento - e soprattutto per innovare una formula che non si presenta mai identica a se stessa - questa volta Mentana ha iniziato a chiamare alla regia direttamente le "assegnazioni" ovvero i collegamenti da mandare in onda, indicati tramite il numero del monitor di servizio.

"Andiamo da Celata, assegnazione 6... Spostiamoci da Alessandra, assegnazione 4..."

e via così. Mentana, questa volta direttore di un'orchestra in 'contumacia', da solo nello studio - se non con qualche eccezionale presenza come un Labate passato per fargli un po' di compagnia -, si dimostra più informato e attento di quanti sono circondati da redazioni numerosi e ospiti roboanti. La sua chat di WhatsApp lavora più di una redazione all-news..

Maratona Mentana Presidenti Camera al via venerdì 23 marzo


la7.jpg

Si apre ufficialmente la XVIII legislatura ed Enrico Mentana c'è. A due settimane dalla Maratona per le Politiche 2018, il direttore del Tg La7 si appresta a una no-stop per raccontare non tanto il primo giorno di scuola dei neo-deputati eletti il 4 marzo 2018, ma soprattutto  l'elezione dei Presidenti di Camera e di Senato. E' il primo atto ufficiale del nuovo Parlamento e anche la prima verifica per le forze politiche in campo.

Ad annunciare la Maratona Mentana per l'elezione dei Presidenti di Camera e Senato ci ha pensato lo stesso direttore prima via Facebook e poi direttamente nel Tg La7 delle 20, con tanto di 'minaccioso' cartello nei titoli principali dell'edizione.

La Maratona Mentana non inizia al mattino, anche perché i lavori del Senato partono alle 10.30 e quelli della Camera alle 11.00: meglio lasciare l'anteprima ai consueti programmi informativi del daytime, tanto più che la prima votazione potrebbe concludersi proprio alle 13.30, quando Mentana prenderà la linea col suo Tg.

"Se vorrete ci vedremo all'una e mezza: a lì in poi vi mostreremo in no-stop tutto l'evolvere dei risultati e delle trattative in diretta dalla Camera e dal Senato, pronti a farlo, se come sembra sarà necessario, anche nella giornata di dopodomani"

dice il direttore nei titoli dell'edizione delle 20 di giovedì 22 marzo. Insomma Mentana guarda avanti e pensa già a una staffetta con se stesso - non notturna però - per coprire in toto tutte le fasi dell'elezione dei Presidenti di Camera e Senato, che potrebbero 'slittare' a sabato. L'elezione, infatti, è una cartina al tornasole per valutare le possibili alleanze in vista della formazione del Governo: non c'è dubbio che le trattative siano più interessanti delle votazioni ed è quello, con tutto il portato di analisi, commenti e retroscena che ingolosisce gli amanti del Mentana maratoneta.

Appuntamento, quindi, alle 13.30 per la prima parte del suo Speciale, che continua dopo Tagadà per terminare col Tg delle 20.00: si annuncia un venerdì impegnativo.

 

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 45 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail