Squadra Mobile 2 | Terza puntata | 27 settembre 2017 | Riassunto

Riassunto della terza puntata del 27 settembre 2017 di Squadra Mobile 2, la fiction sull'inchiesta Mafia Capitale

La Mobile indaga su un caso di omicidio all’Infernetto, dove un uomo è stato ucciso sotto gli occhi di due testimoni oculari, una madre e un figlio. Ardenzi e gli agenti riescono a risalire all’assassino tramite l’identikit fornito dalla donna, che però poi viene ferita con un colpo di pistola. Sarà quindi Luca, il figlioletto, a confermare l’identità del criminale e a farlo arrestare.

Intanto viene ascoltato un certo Testa, che svela l’esistenza, a Roma, di un sistema di truffe sui biglietti della metropolitana, con cui l’azienda dei trasporti sottrae centinaia di milioni ai cittadini. Isa cattura Patrizio, che però nega di essere il responsabile dello sfregio alla sua auto con l’acido: la poliziotta riceve poi un pacco sospetto, con un messaggio, “Non è finita qui”.
Sabatini si chiede chi possa averlo tradito, se non il medico. Vanessa viene arrestata.

Riccardo deve pagare una cartella esattoriale da 3000 euro, e va in banca. Qui, però, un uomo di nome Berardi prende in ostaggio i clienti, perché la banca non gli concede il mutuo. Ardenzi cerca di farlo ragionare, ma quando sta per sparare al direttore di banca, Riccardo lo ferma, e riesce a farlo arrestare. Vanessa decide di collaborare con la polizia. Claudio ha il sospetto che sia stata arrestata, e manda Guaraldi a controllare.

La donna, per telefono, gli dà appuntamento in piazza Santa Maria, e lui pur sapendo che si tratta di una trappola, accetta. In piazza c’è tutta la Mobile, Vanessa riceve poi una telefonata: è Claudio, che le propone di vedersi altrove e di scappare insieme, per trascorrere uniti il resto dei loro giorni. Vanessa tradisce la fiducia di Ardenzi e scappa: tutti la inseguono, lei riabbraccia Sabatini, dall’alto l’uomo che Claudio ha ferito a casa di Gennaretti la uccide. Sabatini, però, è convinto che sia stato Roberto. Vanessa muore fra le sue braccia.

  • 20.20

    Alle 21.15, subito dopo Striscia la Notizia, appuntamento con il liveblogging della terza puntata di Squadra Mobile 2 - Operazione Mafia Capitale. A più tardi!

  • 21.39

    Inizia (finalmente) la puntata. Sabatini è nel luogo dell'appuntamento, dove l'uomo a cui ha sparato dovrebbe incontrarsi con il farmacista. Ma gli viene teso un agguato: qualcuno sapeva che lui si trovava lì. Nulla di fatto

  • 21.41

    Sandro e Ardenzi vanno sul luogo della sparatoria, dove c'è ancora la macchina di Sabatini. I due ipotizzano che l'altro coinvolto fosse l'omicida di Gennaretti. I due si spostano all'Infernetto, dove c'è stato un omicidio

  • 21.43

    Una donna e il figlio, Luca, sono stati testimoni oculari di un omicidio, e hanno visto il volto dell'assassino. La donna va in comissariato spaventata: l'assassinato era un pregiudicato, Cesare Mazzoni, ma lei ha visto in faccia uno dei due assassini. Riccardo le propone un identikit. Ardenzi le fa i complimenti per il coraggio

  • 21.45

    Riccardo è preoccupato, gli è arrivata una cartella esattoriale da 3000 euro. Cecilia va da Sandro: è arrivata una lettera anonima con due biglietti della metro, di cui uno falso. E' un invito per la Mobile a controllare meglio l'azienda dei trasporti

  • 21.46

    Isa irrompe nella stanza di Ardenzi: è convinta che l'uomo che ha bruciato nell'acido la sua auto sia Patrizio.

  • 21.47

    Giovanna, la nuova fidanzata di Patrizio, lo affronta. Lui la prende a schiaffi, ma arriva la Mobile ad arrestarlo

  • 21.48

    Sabatini vuole andare ad affrontare il presunto traditore

  • 21.50

    Patrizio nega di aver bruciato la macchina di Isa, ma viene comunque messo in stato di fermo

  • 21.51

    Sandro scopre che fra i compagni di cella di Mazzoni c'era un certo Ermanno Bencivegni, che come corporatura corrisponderebbe a uno dei due assassini. Isa e Riccardo vanno ad indagare

  • 21.52

    Sabatini va a casa del presunto traditore, ma grazie al nipotino non lo uccide

  • 21.53

    Probabilmente l'azienda dei trasporti mette in circolazione biglietti clonati

  • 21.54

    Roberta e Giacomo incontrano un ex spacciatore esperto di tatuaggi, per capire chi era l'altro insieme a Sabatini la sera del furto di diamanti

  • 22.01

    Sandro, Cecilia e Ardenzi scoprono che sono effettivamente in circolazione dei biglietti truccati.

  • 22.02

    Bencivegni è davanti alla scuola del piccolo Luca per uccidere la madre. Arriva anche la Mobile, c'è la sparatoria. La donna viene colpita da un proiettile sotto gli occhi del figlio

  • 22.04

    Sabatini torna a casa da Vanessa e continua a chiedersi chi possa averlo tradito

  • 22.05

    Sandro e Daria cenano insieme e lui le racconta del suo passato da alcolizzato e del figlio morto per incidente

  • 22.06

    Serena va a cena da Roberto, ma c'è anche Mauretta. Ardenzi insiste, non vorrebbe che Mauretta entrasse in polizia, ma Serena cerca di farlo ragionare

  • 22.07

    La cena non finisce bene, Serena si sente a disagio e va via, Cecilia chiama Roberto e gli dice che Armando Testa, coinvolto nella faccenda dei biglietti, ha chiesto un'altra consegna di titoli di viaggio fasulli

  • 22.09

    In un ripostiglio, la Mobile trova le prove del fatto che milioni di euro sono stati sottratti ai cittadini di Roma. Il sistema è in piedi da 10 anni, ma Ardenzi vuole distruggerlo

  • 22.11

    Vanessa controlla che Claudio stia dormendo, ed esce di casa. Appena va via, Claudio si sveglia e fruga fra le cose della donna. Trova la chiave del residence Ripetta, dove Vanessa, sotto il nome di Sofia Navarra, ha un appartamento, che non è mai stato disdetto

  • 22.13

    Roberta vede la tatuatrice, che è incinta. Chiede quindi un figlio a Giacomo. Lui le propone di riparlarne dopo questo caso

  • 22.14

    Riccardo si complimenta con Cecilia per aver sgominato la banda dei biglietti della metro. Le racconta della cartella esattoriale, e lei gli offre l'aiuto di suo padre

  • 22.16

    Casillo, l'assassino dell'Infernetto a volto scoperto, viene fermato, ma ha un alibi. La donna, Giulia, è in coma. A rimanere col bambino c'è la nonna. Luca si offre di testimoniare al posto della madre.

  • 22.18

    Il bambino riconosce l'assassino. E' Casillo

  • 22.19

    Testa va dall'Ingegnere a riferire che Ardenzi sa tutto dei biglietti. Sabatini arriva al residence Ripetta. Giulia è uscita dal coma e si salverà

  • 22.21

    Roberta trova una palestra frequentata da un giro di fascisti, chiamata Budokan, come la scritta sul tatuaggio dell'uomo della sparatoria

  • 22.22

    Sabatini fruga nell'appartamento di Vanessa al residence. E' stata lei a consegnare i diamanti per far liberare suo fratello

  • 22.24

    Sandro e Roberta intercettano Vanessa che sta salendo su un taxi. Vogliono seguirla per arrivare a Claudio. Tutte le auto della Mobile la inseguono, Vanessa se ne accorge

  • 22.26

    Vanessa viene arrestata

  • 22.32

    Per il momento l'arresto viene tenuto segreto. Ardenzi spera di arrivare a Claudio Sabatini

  • 22.34

    La donna non parla, ma è scossa. La Mobile va alla palestra Budokan, per capire perché Vanessa si trovava lì

  • 22.38

    Sandro e Roberto cercano di convincere la donna a collaborare, per non farsi troppi anni di carcere. Alla fine lei parla, la Mobile va in casa, ma non lo trova. Vanessa ipotizza che dipende dal fatto che non si sentono da stamattina

  • 22.41

    Daria è arrabbiata con Sandro perché lui non potrà accompagnarla a deporre

  • 22.42

    Mauretta è al poligono di tiro per esercitarsi, ma non ha un'ottima mira

  • 22.43

    Sabatini telefona a Vanessa. Lei gli dice che aveva bisogno di un po' di tempo per sè e gli dà appuntamento fra due ore in piazza Santa Maria

  • 22.44

    Riccardo è in banca per la questione della cartella esattoriale. Un uomo con una pistola prende in ostaggio i clienti della filiale, tra cui c'è anche il poliziotto

  • 22.45

    Mauretta va a parlare con suo padre: forse fare la poliziotta non fa per lei. Roberto cambia idea, le dice che deve decidere lei cosa fare. Si offre poi di insegnarle a sparare

  • 22.47

    In banca c'è una signora con l'asma. L'uomo che tiene tutti in ostaggio vuole una firma che la banca non gli vuole concedere

  • 22.48

    Ardenzi parla con l'uomo disperato. Si chiama Berardi, è in ritardo col mutuo e rischia lo sfratto. Accetta di far uscire almeno la signora con l'asma. Il direttore della banca è fuori sede

  • 22.50

    Sabatini telefona a Guaraldi: teme che la Mobile abbia preso Vanessa e gli chiede di andare a controllare

  • 22.52

    Il direttore di banca non può fare nulla, la cifra è troppo alta. Riccardo è disarmato, ha lasciato l'arma fuori per il metal detector. Berardi spara in aria

  • 22.59

    Isa sta sorvegliando Vanessa, e le chiede cos'è successo tra lei e Claudio. Guaraldi arriva in questura

  • 23.01

    Guaraldi la vede e telefona a Claudio. Sabatini si presenterà comunque all'appuntamento

  • 23.04

    Riccardo chiede a Berardi di lasciare andare gli ostaggi. Lui lamenta di essere sempre stata una brava persona, ma ha perso il lavoro

  • 23.05

    Isa riceve un pacco sospetto. Al piano di sotto, Fabio le dà una bella notizia: ha trovato un posto per il suo corso. Il pacco contiene delle foto e un messaggio "Non è finita"

  • 23.07

    Arrivano la moglie e la figlia di Berardi. Sandro avvisa Roberto che hanno poco più di un'ora, poi dovranno andare all'appuntamento con Sabatini

  • 23.08

    L'uomo sta per sparare al direttore di banca, ma Riccardo lo blocca. Berardi viene arrestato

  • 23.10

    Sandro parla con Daria, che ce l'ha fatta a fare la deposizione. Roberta prepara Vanessa all'incontro con Claudio mettendole un microfono addosso

  • 23.13

    La Mobile studia le posizioni nella piazza. Il questore ritiene che l'operazione sia un azzardo, soprattutto per quello che può dire la stampa se qualcosa andrà male

  • 23.20

    Claudio ancora non arriva. Dall'alto c'è l'uomo che lui ha ferito a casa di Gennaretti, pronto a sparargli. Claudio telefona a Vanessa, le dice che vuole passare il resto dei suoi giorni insieme a lei, e le chiede di incontrarsi in un altro posto. Lei accetta

  • 23.22

    Vanessa scappa

  • 23.23

    Dall'alto il cecchino la spara. Ma c'è anche la Mobile. Vanessa muore sotto gli occhi di Sabatini, che pensa sia stato Ardenzi a ucciderla. La puntata finisce

sq.png

Continuano le avventure di Roberto Ardenzi (Giorgio Tirabassi) impegnato nell'operazione Mafia Capitale. Nella terza puntata della fiction, in onda mercoledì 27 settembre 2017 alle 21.15 su Canale 5, la Mobile indagherà su una truffa nell'ambito del trasporto pubblico.

Nella prossima puntata, la squadra indaga sull'omicidio di un pregiudicato dopo che una donna ha coraggiosamente fornito l'identikit dell'assassino. Intanto Claudio Sabatini (Daniele Liotti) inizia a sospettare che Vanessa (Laura Barriales) potrebbe averlo tradito.

Ardenzi e la Mobile hanno un asso nella manica e decidono di giocarlo per tendere una trappola a Claudio Sabatini. Nel frattempo, pero', un cliente esasperato dalla mancata concessione di un prestito prende in ostaggio l'intera banca dopo aver rubato una pistola alla guardia giurata. Tra gli ostaggi c'e' anche Riccardo (Marco Rossetti), che riesce ad avvertire la Squadra.

squa.png

Squadra Mobile 2, puntata 27 settembre 2017: come vederlo in streaming


E' possibile vedere Squadra Mobile 2 in streaming sul sito ufficiale di Mediaset e sull'app scaricabile su tablet e smartphone, mentre da domani sarà possibile vederlo nella sezione Programmi.

Squadra Mobile 2, puntata 27 settembre 2017: Second screen


Si può commentare Squadra Mobile 2 sulla pagina ufficiale di Facebook e su Twitter, all'account @SquadraMobileTv. L'hashtag è #SquadraMobile2.



Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO