Pechino Express 2017, conferenza stampa in diretta

La conferenza stampa in diretta.

pechino-express.png

  • 12.10

    La conferenza sta per iniziare.

  • 12.12

    Ilaria Dallatana, direttore di Rai 2: "Questa è la sesta edizione. Il fatto che un programma arrivi alla sesta edizione è la prova di quanto sia forte il programma e fatto bene. E' difficile trovare dei formati che possano durare negli anni e riuscire a contare su una platea molto allargata. Questo succede con Pechino, che ogni anno propone un viaggio diverso con un cast diverso. Questo è il primo programma della tv che ha fatto viaggiare i telespettatori, mostrando luoghi speciali. Il lavoro sul cast, invece, non è mai banale. Attira la curiosità, che spesso li scoprono qua da noi. Son sempre coppie che hanno qualcosa da dire e che hanno un punto di vista speciale da offrire".

  • 12.15

    "Credo che Pechino abbia in sé il principio di intrattenimento da servizio pubblico. Nasce come una gara divertente, ma dà un'attenzione particolare per un viaggio intorno al mondo e crea una curiosità rispetto a luoghi lontani da noi e popolazioni che altrimenti non avremmo modo di conoscere".

  • 12.17

    "Costantino non è solo un conduttore, ma è il padre nobile di questo programma: partecipa attivamente alla messa in fila e alla creazione di questo viaggio".

  • 12.18

    Fabio Di Iorio, vicedirettore di Rai 2. "Dietro al programma c'è un team che fa un lavoro incredibile che suda come e con i concorrenti. Di anno in anno Pechino è sempre più in sintonia con la rete, le puntate tendono ad arrivare perfette. Ogni volta cambiano il posto e le persone che ci vanno. Il gruppo di concorrenti è particolari, mi sembrano tutti esponenti di una nuova normalità. Non ci vai per i soldi a Pechino, ma ci va solo chi ha davvero voglia di fare questa esperienza. Qui non ci sono personaggi, ma persone".

  • 12.21

    Anna Marchesini, direttore di Rai Radio 2: "Siamo felici di essere la radio ufficiale di Pechino. Abbiamo iniziato una serie di iniziative: portiamo il viaggio e il suo racconto dentro la radio e li condividiamo per tutta la settimana con gli ascoltatori. Lo facciamo con una finestra nel programma del pomeriggio, con curiosità e interviste. D'altra parte la radio è ascoltata durante i viaggi, piccoli o grandi che siano e la musica è spesso protagonista. Così portiamo anche la musica dentro il racconto televisivo: un brano della colonna sonora del programma sarà firmato da Radio 2 e chi indovinerà il titolo del brano vince lo zaino originale del programma".

  • 12.24

    Dallatana: "C'è una grande sinergia con Radio 2, si rinnoverà con Sbandati e Casa Mika. E dentro il cast di Pechino quest'anno ci sono due speaker che arrivano da loro".

  • 12.25

    Cristiano Rinaldi, capo autore: "L'Oriente si accentuano le difficoltà e offre uno scontro culturale. Non è facile lavorare lì, ma ci siamo riusciti. Le Filippine non sono mai state raccontate così bene in tv. Taiwan scopriremo un mondo molto divertente. Del Giappone partiremo dal sud per raccontare posti diversi e non solo Tokyo come fanno tutti. Vogliamo raccontare la bellezza e la cultura di questi Paesi, abbiamo potenziato la macchina produttiva per raccontare meglio e stare più vicino alle vita delle persone del posto".

  • 12.26

    "Quest'anno andremo in posti più evoluti del nostro, noi arriviamo con un punto di vista diverso. C'è una dinamica nuova di gioco, le stelle (un beneficio per le coppie): si accapiglieranno e stimoleranno la guerra tra i concorrenti. Darà tante dinamiche. Pechino non ha mai dato premi ai concorrenti in denaro, se non un premio in beneficenza. Quest'anno la beneficenza andrà alle popolazioni colpite dal terremoto, perché andiamo in Paesi molto ricchi e fa bene far tornare qualcosa a noi".

  • 12.29

    Costantino Della Gherardesca, conduttore e autore del programma: "Il ritorno in Oriente è molto interessante, quest'anno è radicalmente diverso Pechino Express perché faremo vedere ancora di più le vite delle persone del posto. La nostra esigenza è aprirsi verso il mondo, si tende a parlare solo dell'Italia ed essere provinciali, invece Pechino si apre verso un mondo più ampio. Quest'anno attraverseremo le Filippine e in Italia c'è la più grande comunità filipppina di tutta Europa, lì vedremo delle realtà molto forti e difficili. Quella è una parte molto povera del mondo. Dopodiché i viaggiatori attraverseremo Nazioni molto più ricche dell'Italia, è la prima volta che succede".

  • 12.32

    "Il cast è composto da persone. E' innovativo e poco televisivo. Sono con noi persone che sono famose, ma non famose solo all'interno della televisione. Non volevamo essere autoreferenziali, ma ci siamo aperti verso il web, la moda, la musica".

  • 12.33

    Via alle domande. Costantino: "E' un programma molto giovane per quanto riguarda i nostri fruitori. Il web non può essere ignorato".

  • 12.35

    Qualcosa sui concorrenti? Costantino: "E' straordinaria la coppia dei modaioli. Marchelo Burlon è famoso in tutto il mondo, sono usciti pure degli articoli in America per questa sua partecipazione. E' molto spartano. L'altro avrà delle difficoltà in più". "Antonella Elia è straordinaria, viaggerà con Jill Coooper: guarda il mondo con gli occhi di una bambina anche se non lo è più, sarà agguerrita. Un mix tra la Marchesa e Tina. Follia ma anche prepotenza".

  • 12.37

    "Francesco Arca e Rocco Giusti arrivano dalle fiction. Dal mondo di Youtube arriva Guglielmo Scilla che viaggerà con la youtuber Alice Venturi. E poi gli Egger: il fotomodello di Donatella Versace, assieme a sua madre che si occupa di pubbbliche relazioni a Montecarlo, sarà tremendo per lei finire per strada a chiedere l'autostop. Le Clubber sono straordinarie, sono delle deejay e daranno molte soddisfazioni. E poi il nipote di Lucia Bosè e un famosissimo ballerino di flamenco, sono dei grandissimi amici e parlano l'italiano relativamente perché spagnoli".

  • 12.39

    Come sono stati accoppiati i concorrenti? "Si conoscevano tutti già prima. E' importante avere quella dinamica preesitente".

  • 12.40

    La novità delle stelle. Rinaldi: "Vincere queste stelle, attraverso delle prove, darà loro un potere che li proeggerà e darà un fiul rouge durante tutto il programma. Queste stelle daranno un forte vantaggio sulla fase finale del programma, in cui le stelle potranno cambiare il destino delle coppie (nel bene o nel male)".

  • 12.41

    Costantino: "Per noi è importante la qualità, è importante trattare bene il pubblico. Non esiste più la signora che gurdavano i cabaret fatti male, anche mia mamma ora guarda le fiction americane fatte benissimo. Ci sarebbe una distonia se i nostri programmi fossero fatti male. Noi puntiamo sulla qualità".

  • 12.42

    Pechino Addicted non è più abbinato a Pechino Express.

  • 12.43

    Costantino: "Con Pechino abbiamo fatto una cosa radicalmente diversa dagli altri reality. E' stato un modo per innovare".

  • 12.45

    Costantino: "Ci sarà un nuovo modo di avere ospiti, è una grossa novità, però non voglio rovinare la sorpresa".

  • 12.48

    Costantino: "Sono più sicuro di me rispetto al passato, ma c'è sempre una grande emozione per i posti diversi. La mia più gioia più grande quest'anno è stata andare a mangiare i ravioli a Taiwan".

  • 12.50

    Sarà l'ultima stagione di Pechino? Dallatana: "In quali corridoi se ne parla? L'edizione di quest'anno è bellissima, non credo sia l'ultima. Pechino è brand contemporaneo e classico di Rai 2. Se arrivasse sul mercato, lo prenderebbero in tanti. Ne sono ben consapevole".

  • 12.53

    La conferenza è terminata.

Questa mattina, alle ore 12, verrà presentata la sesta edizione di Pechino Express, al via mercoledì 13 settembre su Rai 2. La rotto di quest'anno è Verso il Sol Levante: le otto coppie in gara esploreranno l'Oriente con tappe nelle Filippine, Taiwan e Giappone. Saranno presenti il direttore di Rai 2 Ilaria Dallatana, il conduttore Costantino Della Gherardesca, il vice direttore di Rai 2 Fabio Di Iorio e il capoprogetto Cristiano Rinaldi.

  • shares
  • Mail