Sei giorni, la guerra infinita: Gad Lerner spiega la questione palestinese in uno speciale su Rai3

Il giornalista continua a raccontare i conflitti tra Oriente e Occidente come inviato in Israele

Continua la collaborazione di Gad Lerner con Rai3 all'insegna del grande approfondimento. Dopo l'ottimo riscontro di Islam, Italia e l'apprezzato racconto di Operai, il giornalista - già ospite nell'ultima puntata di Tv Talk - torna in seconda serata con uno speciale sulla questione palestinese: Sei giorni, la guerra infinita.

lerner guerra sei giorni
In soli sei giorni, fra il 5 e il 10 giugno 1967, una guerra lampo ha stravolto gli equilibri del Medio Oriente e modificato lo sguardo del mondo sul progetto sionista e sulla tragedia ebraica del Novecento. Lunedì 29 maggio, alle 23.05 su Rai3, Gad Lerner racconta il conflitto politico e religioso che è alla base di quel radicalismo con cui ancora oggi siamo costretti a confrontarci.

Il minuscolo Stato d’Israele, circondato da eserciti arabi che ne minacciano la distruzione violenta, reagì con una spettacolare offensiva. Al termine di quella guerra Israele ha triplicato l'estensione del suo territorio e si è imposta come principale potenza militare della regione, capace di far fronte, contemporaneamente, agli avversari della coalizione araba: Egitto, Siria, Giordania, Iraq.

Ma la Guerra dei Sei giorni, cinquant’anni dopo, non è ancora finita. Perché da quei giorni inizia l’occupazione dei territori palestinesi e con la riconquista della Città Vecchia inizia anche la trasformazione di un conflitto nazionalista in una lotta tra radicalismi religiosi.

Gad Lerner racconta i giorni di cui fu anche testimone diretto: tredicenne, nell’estate del 1967 a un mese dalla guerra, ha compiuto con il padre un viaggio in Israele. Non immaginava che le conseguenze di quel conflitto sarebbero state ancora visibili oggi.

Per raccontare quei giorni, Lerner è tornato in Israele dove ha intervistato, tra gli altri, lo scrittore David Grossman, e in Egitto dove si è confrontato con Jean, la vedova del presidente Anwar Sadat. Anche in Italia la Guerra dei Sei Giorni ha suscitato emozioni, divisioni nell’opinione pubblica e durissime polemiche politiche.

Lo speciale di Rai3 ripercorre le pagine del racconto televisivo degli eventi affidato a Arrigo Levi, che Lerner ha incontrato a Roma; la lacerazione del rapporto storico fra ebrei e sinistra; la “scoperta” della questione palestinese. E poi l’impatto sulla sinistra italiana. Il Pci, da Pajetta a Maurizio Ferrara che si schiera con l’Unione Sovietica contro “l’imperialismo sionista”. Pier Paolo Pasolini che, invece, critica la posizione filo-palestinese. Così come Umberto Terracini, unico e solitario dissidente tra gli alti dirigenti del Pci.

Tra rievocazione storica con materiali di repertorio e testimonianze di oggi, Lerner racconta le metamorfosi del sionismo e del nazionalismo arabo generate da quell’evento di cinquant’anni fa.

Sei giorni, la guerra infinita è uno speciale di Gad Lerner e Laura Gnocchi con Francesca Filiasi. A cura di Valentina Rosti. Produttore esecutivo Elena Milani. Regia Stefano Obino.

  • shares
  • Mail