Orange is the New Black, il trailer della quinta stagione

Rilasciato il trailer della quinta stagione di Orange is the New Black dal 9 giugno su Netflix

Attenzione Spoiler sulla quarta stagione di Orange is the New Black

Netflix rilascia il trailer della quinta stagione di Orange is the New Black in arrivo il prossimo 9 giugno sulla piattaforma di streaming (e in Italia anche su Infinity e dal 22 giugno su Premium Stories), dopo l'arrivo della prima scena iniziale della stagione pubblicata qualche settimana fa. In apertura di articolo trovate il video di Orange is the New Black in italiano, mentre a questo link lo potete vedere in lingua originale.

orange-is-the-new-black.jpg

"Se vogliamo rivoltare questo posto dobbiamo parlare con una sola voce, come un unico gruppo"

Si annuncia quindi una stagione rivoluzionaria per le detenute del carcere di Litchfield protagoniste della quinta stagione di Orange is the New Black. La serie riparte infatti proprio dove la quarta si era chiusa, subito dopo la morte di Poussey (Samira Wiley) che darà il via ad una vera e propria rivolta in carcere. La serie sarà interamente ambientata nell'arco di tre giorni in cui le nostre detenute affronteranno tutte le difficoltà che seguono alle loro azioni.

"Per tutti quelli che si interessano, noi le detenute di Litchfield siamo esseri umani. Stiamo protestando contro le pessime e disumane condizioni in cui siamo tenute"

Ma la protesta con la violenza non sempre porta ai risultati sperati e mettere insieme tutte le diverse fazioni che popolano la prigione non sarà proprio così semplice. Tutte cercano di tenere il potere ottenuto seppur per poco tempo e il caos è pronto a scoppiare. Riportare l'ordine e tornare indietro sarà veramente complicato. La vita delle detenute rischia di cambiare per sempre.

Le detenute di Litchfield hanno dovuto recentemente affrontare anche un "pericolo esterno". Infatti recentemente 10 episodi della nuova stagione sono state trafugate e rilasciate on line in anticipo rispetto alla messa in onda, a seguito di un ricatto portato avanti dal gruppo The Dark Overlord. L'impressione è che gli hacker abbiano fatto più rumore e promozione per Netflix e la sua serie più che aver causato un vero e proprio danno.

 

  • shares
  • Mail