Piazzapulita, Formigli in Iraq per un reportage sull'Isis

Dopo gli attentati a Parigi, Corrado Formigli torna in Iraq per raccontare l'Isis: il reportage trasmesso giovedì 19 novembre.


Corrado Formigli

ancora una volta in prima linea per raccontare in una maniera inedita la "guerra" con il Califfato. La televisione italiana, in questi giorni, si è occupata molto ed in diverse forme dell'attentato parigino. Tante chiacchiere ed opinioni si sono spese sulla vicenda. L'unico a proporre una chiave di lettura diversa e ad essersi "sporcato le mani" non solo con le parole ma con i fatti, però, è proprio il conduttore di Piazzapulita.

Formigli, infatti, ha deciso di raccontare ancora una volta il Califfato da vicino. Così, proprio mentre a Parigi si respiravano ancora momenti di terrore e paura per gli attentati di venerdì notte, l'ex allievo di Michele Santoro è voltato in Iraq "sulle tracce dell'Isis". Il conduttore è stato a Sinjar e in un breve filmato pubblicato su Facebook racconta che "la città che è stata riconquistata dai curdi dopo un anno nelle mani dello stato islamico dell'Isis".

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Sono stato in Iraq sulle tracce dell'ISIS. Vi mostreremo cosa ho

Sono in #Iraq sulle tracce dell'ISIS. Vi mostrerò cosa ho visto:

Posted by Corrado Formigli on Lunedì 16 novembre 2015

"Sono stato - prosegue - sulle tracce della bestia dell'Isis, dove si nascondeva, nel suo quartier generale. Vi racconterò con un reportage esclusivo che cosa ho visto nella città abbandonata da poche ore dai terroristi del califfato nero. Sarà un reportage che racconta le contraddizioni di una guerra decisiva per i confini e la sicurezza dell'Occidente". Il reportage sarà mostrato giovedì, durante la puntata di PiazzaPulita (ore 21.10, La 7).

Formigli già nel dicembre del 2014 era riuscito ad entrare "da clandestino" a Kobane, città della Siria al confine con la Turchia, per raccontare l'assedio dell'Isis come "primo giornalista italiano". E ora si conferma il "primo giornalista italiano" a raccontare la paura verso il Califfato da vero giornalista. Forse uno dei migliori.

formigli-isis-iraq.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail